Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Etna, sentiero per mtb da enduro con l'ok del Parco
Al Clan dei ragazzi volontari al lavoro contro la crisi

L'iniziativa dell'Asd Etnabikeland è un segnale di vitalità per un territorio alle prese con una depressione turistica senza precedenti. «C'è poca conoscenza della nostra montagna», sottolinea a MeridioNews il responsabile del rifugio Ugo Esposito

Francesco Vasta

Foto di: clan dei ragazzi su facebook

Foto di: clan dei ragazzi su facebook

Un sentiero dimenticato, in mezzo ai boschi dell'Etna, che ritrova nuova vita. Fino a diventare una storia da seguire, se si cercano strade per tirare fuori un intero territorio dalla depressione turistica in cui è piombato. Il progetto Stumpjumper, curato dall'associazione Etnabikeland, ha preso vita già qualche mese fa sul versante nord del vulcano, nella pineta di Linguaglossa. Lì dove da circa quattro anni ha preso forma anche la svolta del Clan dei ragazzi. Uno storico rifugio-chalet, a circa 1500 metri di quota, fondato da padre Ugo Aresco di proprietà della Curia catanese. Diciassette anni fa la zona era diventata off limits. L'eruzione del 2002 aveva fratturato la strada Mareneve proprio all'altezza del Clan, a sua volta danneggiato dalle centinaia di scosse sismiche di quelle settimane. Poi la ricostruzione e vari passaggi fino al rilancio dei giorni nostri che si registra proprio mentre altre strutture chiudono i battenti. «Siamo come un autogrill su un'autostrada, la nostra posizione è ideale, ma purtroppo in questo momento tutti i flussi sono dirottati a Etna sud», ragiona a MeridioNews Ugo Esposito, 62 anni, uno dei responsabili della struttura.

Il blocco delle escursioni ai crateri, legato alla battaglia fra i comuni di Linguaglossa e Castiglione di Sicilia, sta privando ormai da anni l'intero versante nord dell'Etna di una delle sue principali attrattive. «I turisti vanno in automatico a Nicolosi, per chi viene da fuori Etna vuol dire Etna sud», ovvero la stazione turistica di Rifugio Sapienza e la sua funivia. Le presenze restano a livelli di sussistenza. Per chi si trova dunque sul lato oscuro della montagna, occorre dunque uno sforzo di inventiva ancora maggiore. «Siamo riusciti ad avere, grazie ai volontari coordinati d Adriano Cristaldi di Etnabikeland, il primo percorso per mountain bike da enduro autorizzato dal parco dell'Etna, attirando da noi sempre più appassionati». Il vecchio passaggio nel bosco Ragabo collega Piano Provenzana alla pista altomontana che si trova più a valle. 

«Ci occupiamo della manutenzione e sosteniamo il lavoro prezioso dei volontari. Bastano infatti anche gli aghi di pino a cancellarlo e serve un'attenzione costante», dice Esposito. Il sentiero Stumpjumper è stato «lavorato con interventi a bassa incidenza» e ha richiesto un lungo iter progettuale portato avanti da un gruppo interdisciplinare di professionisti del settore. «Ho lavorato per dieci anni sulle Dolomiti, dove tutto questo è la normalità e c'è un boom di presenza legate a sentieri e cicloturismo», aggiunge Esposito, in passato anche assistente di Angelo D'Arrigo. Sull'Etna c'è ancora tanto da fare: «Questa iniziativa è per noi un primo step, vogliamo lavorare ancora per ampliare la fruizione della nostra montagna». Dove spesso, purtroppo, si muovono flotte di ciclisti e motociclisti in scenari se non di abusivismo, comunque non controllati da autorità o neppure inquadrati in iniziative organizzate. «Il nostro sentiero offre invece garanzie di sicurezza, si può percorrere solo in discesa e c'è tutta la segnaletica necessaria». A tale scopo, l'associazione Etnabikeland sta lavorando a progetto per estendere, nel 2020, la valorizzazione anche ad altri percorsi etnei.

«Migliorare i sentieri in discesa - aggiunge Cristaldi di Etnabikeland - potrebbe essere una grande occasione per lo sviluppo turistico ed economico del territorio. Sulla sostenibilità nella costruzione dei sentieri la nostra associazione fa riferimento all'International Mountain Bicycling Association (Imba) che si occupa di diffondere le buone prassi contro le erosioni del terreno, a favore di un divertimento ciclistico in armonia con la natura». Una goccia, comunque, nel mare della crisi di Piano Provenzana e di Etna nord. Dove la colpa non è tutta dei Comuni. «C'è un problema di conoscenza di quello che il nostro territorio può offrire - conclude il responsabile del Clan dei ragazzi - e poi, ormai, non è rimasto più nessuno. Se non ci muoviamo noi che siamo ancora qui, attivi su Etna nord, altri non lo faranno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews