Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, dopo il forte vento chiesto stato di calamità
«Aiuto economico necessario. Da soli è impossibile»

Il primo cittadino Nino Naso, affiancato dall'assessore Luigi Gulisano, ha annunciato l'attivazione delle procedure per richiedere i fondi. Problemi a villa Moncada, dove gli operai dovranno lavorare per diversi giorni per riuscire a metterla in sicurezza

Salvatore Caruso

«Chiederemo la proclamazione dello stato di calamita. Si tratta di un aiuto economico necessario perché da soli non ci riusciamo». Ad annunciarlo è il sindaco di Paternò Nino Naso al termine di un sopralluogo effettuato all'interno di villa Moncadadevastata dal forte vento di domenica sera e interdetta per diverse settimane per consentire gli interventi di messa in sicurezza degli alberi. Danni non solo alle strutture pubbliche ma soprattutto a quelle private.

Il forte vento ha abbattuto tre pini di grosse dimensioni che hanno danneggiato altri alberi. Conseguenze anche per una parte della recinzione che si affaccia su via Liberà, cosi come il box in ferro che accoglie la centralina del metano con gli sportelli ritrovati a diversi metri di distanza. «Fortunatamente non ci sono stati danni alle persone - spiega il sindaco Naso – tecnici e operai stanno controllando in queste ore altre zone della città. Cosi da avere un'idea precisa e dettagliata dei danni che ci consentirà di inviare una specifica relazione alla Protezione civile regionale». 

Danni sono stati riscontrati al cimitero nuovo e in diversi punti della città. Problemi al primo circolo didattico di via Emanuele Bellia con tegole danneggiate. «L'obiettivo è quello di risolvere questi problemi nel più breve tempo possibile», spiega a MeridioNews l’assessore Luigi Gulisano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×