Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Reddito di cittadinanza? Il Comune è in ritardo»
Movimento 5 stelle chiede lavori socialmente utili

Dopo avere passato in rassegna i risultati migliori dall'inizio dell'esperienza consiliare, i pentastellati a Palazzo degli elefanti fanno il loro annuncio: stasera, in aula, presenteranno una mozione per chiedere che si passi alla «fase due» del reddito di cittadinanza

Luisa Santangelo

«Senza il Movimento 5 stelle, questa festa di Sant'Agata non si sarebbe fatta». Il consigliere comunale del Movimento 5 stelle Emanuele Nasca ha le idee molto chiare sul contributo pentastellato all'amministrazione comunale. Non tanto sul piano locale, quanto piuttosto su quello nazionale. «Abbiamo salvato Catania dal dissesto», scandisce Nasca. Sì, certo, il dissesto è stato effettivamente dichiarato. Il punto, però, è il famoso Salva Cataniail maxi-emendamento Lega-M5s che ha dato al capoluogo etneo una boccata d'ossigeno a suon di milioni di euro. Serviti per evitare le lacrime e il sangue che il default avrebbe comportato. A eccezione di questi momenti, però, il cuore della conferenza stampa convocata dai grillini a Palazzo degli elefanti è tutto dedicato al reddito di cittadinanza. «È il momento di passare alla fase due». Il ritornello lo ripetono tutti, con insistenza. Dall'eurodeputato Dino Giarrusso alla deputata nazionale Laura Paxia, passando per la deputata Ars Gianina Ciancio e gli eletti al senato cittadino: il citato Nasca, Lidia Adorno, Graziano Bonaccorsi, Valeria Diana e Giuseppe Fichera.

Tra qualche ora, sui banchi del senato cittadino arriverà la mozione a cinque stelle sull'uso delle persone che percepiscono il reddito di cittadinanza per svolgere lavori socialmente utili. Circa settemila persone a Catania, che potrebbero occuparsi di una varietà di settori pressoché illimitata. «Verde pubblico, biblioteche, piccole manutenzioni - elenca Giarrusso - Chiaramente lavori che non hanno bisogno di specializzazioni, perché nessuno vuole togliere ruoli e responsabilità a chi ha i titoli per averli. Ma ci sono tante cose che si potrebbero fare». Compresa la raccolta dei rifiuti, che fino a qualche anno fa veniva gestita anche dal Comune di Catania. «Poi si è deciso che la strada della privatizzazione era quella giusta, e sono così arrivati, in tutt'Italia, imprenditori indegni a prendere in mano la spazzatura», prosegue Giarrusso.

Attorno a lui è un coro di consensi. Non si fa altro che sottolineare l'importanza di un appuntamento come quello di stamattina: «Siamo uniti su tutti i livelli», sottolinea Lidia Adorno. Anche se «è innegabile che il tema della rappresentanza e dei legami tra la base e i vertici del Movimento sia all'ordine del giorno nel dibattito interno», conferma la ex Iena catanese, promossa a Bruxelles dopo avere fatto il pieno di voti. Il problema, però, quantomeno nel capoluogo etneo sembra farsi sentire poco. Forse anche per via degli ottimi rapporti intrattenuti dal gruppo consiliare in Comune con i riferimenti a Palermo, a Roma e in Europa. Anche per questo, per promuovere una semplice mozione da discutere in aula arriva praticamente lo stato maggiore grillino.

Del reddito di cittadinanza - di cui è madrina la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, catanese anche lei - si parla per lo più per raccontare chi lo percepisce senza averne diritto. «Ma succede anche con la 104», attacca Nasca, riferendosi alla legge che prevede agevolazioni per chi è diversamente abile o chi se ne prende cura. «Ora dobbiamo andare oltre», conclude Adorno. Da qui la mozione: impegnare il Comune di Catania ad avviare progetti di inserimento lavorativo per chi riceve il sussidio, in modo da entrare a regime nel giro di qualche mese. «I cittadini dovranno intanto firmare il patto di inclusione, insieme agli assistenti sociali del Comune - spiega Valeria Diana - A Catania ne abbiamo circa una trentina, che dovranno lavorare su migliaia di pratiche». «Ma si può partire a poco a poco e procedere a scaglioni - interviene Adorno - Se intanto non si comincia, il ritardo si accumula». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews