Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sala giochi illegale in un immobile del Comune 
Un autosalone abusivo era allestito sulla strada

Attività illegali sulla pubblica via o in locali di proprietà dell'ente comunale e dell'Istituto autonomo case popolari. I gestori percepivano indebitamente anche il reddito di cittadinanza. È quanto emerso dai controlli dei poliziotti nel quartiere Librino 

Redazione

Un autosalone abusivo, sale gioco illegali anche in immobili occupati di proprietà dell'Istituto autonomo case popolari e del Comune di Catania, persone che indebitamente percepiscono il reddito di cittadinanza. È quanto emerso dai controlli effettuati nei giorni scorsi dal personale del commissariato Librino

In particolare, nella zona di Zia Lisa di fronte al cimitero, una larga parte della strada era stata occupata illegalmente da due persone per esporre molte auto in vendita. Un vero e proprio autosalone allestito sulla via in modo del tutto abusivo. Una situazione ha creato anche diversi problemi di viabilità ai residenti. I poliziotti hanno, inoltre, accertato che tutte le vetture erano prive di assicurazione. Le macchine - lasciate in conto vendita - sono state sequestrate e i due gestori dell'attività abusiva sono stati indagati in stato di libertà per il reato di invasione di terreni. Uno di loro, già pluripregiudicato, è accusato anche di truffa aggravata per il sussidio statale della carta Rei

Al civico numero 5 di viale Moncada è stata scoperta una sala giochi abusiva allestita all’interno di una bottega dell’Istituto autonomo case popolari (Iacp), occupata illegalmente. La seconda nel giro di pochi giorni nel quartiere. A gestirla sarebbe stato un pregiudicato, figlio di un detenuto e appartenente a una famiglia mafiosa della zona. L'uomo è accusato di invasione di edificio pubblico. Inoltre, è stata accertata la mancanza della tabella dei giochi proibiti, un allaccio diretto alla rete Enel e un indebito percepimento del reddito di cittadinanza. Per questo motivo, l'uomo è indagato anche per i reati di furto di energia elettrica e truffa aggravata. Per lui anche sanzioni amministrative da migliaia di euro per la gestione abusiva di un internet point con svariate postazioni. Nello stesso stabile sono stati accertati altri due allacci diretti alla rete Enel, gli inquilini sono stati indagati. L'immobile è stato sequestrato e verrà restituito all'Iacp. 

Un'altra sala giochi abusiva è stata individuata sempre in viale Moncada. Anche in questo caso il gestore, pregiudicato e figlio di un detenuto, aveva occupato illegalmente un immobile, in questo caso di proprietà del Comune. L'uomo è stato indagato per invasione di edificio pubblico, truffa aggravata ai danni dello Stato (per avere percepito indebitamente il reddito di cittadinanza) e mancanza della tabella dei giochi proibiti; sul posto è stato convocato il responsabile del patrimonio pubblico del Comune di Catania al quale è stata restituita la bottega. Anche il padre del titolare è stato indagato per truffa aggravata: avrebbe conseguito un'erogazione pubblica non dovuta perché avrebbe omesso di segnalare all’Inps il reddito derivante dall'esercizio commerciale abusivo

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews