Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Coronavirus, c'è l'accordo con i sindacati per la Pfizer
Fino al 29 marzo in produzione solo farmaci essenziali

Dopo giorni di braccio di ferro con le sigle sindacali, ora la casa farmaceutica dichiara che «la sicurezza dei lavoratori è da sempre prioritaria». Niente stop allo stabilimento, ma riduzione di personale in servizio fino alla fine di questa settimana

Luisa Santangelo

«La sicurezza dei lavoratori è da sempre prioritaria». Dopo giorni di braccio di ferro con le sigle sindacali, per lo stabilimento Pfizer della zona industriale è stato raggiunto l'accordo: tutto fermo, tranne le aree «selezionate» che producono «farmaci essenziali». Cioè gli antibiotici ad ampio spettro di cui a lungo si era parlato nei giorni scorsi. A rendere necessario l'incontro tra i sindacati e l'azienda il contagio di alcuni dipendenti dello stabilimento di Catania.

Il primo, un 52enne, è morto all'ospedale Cannizzaro di Catania. Aveva già patologie pregresse ed è deceduto lo scorso 16 marzo. Il secondo caso in ordine cronologico è quello di un lavoratore di 22 anni, ricoverato al San Marco di Catania. Seguito poi a ruota dalla moglie, poco più che ventenne, diventata il terzo caso della scia Pfizer

Ieri, Confindustria Catania ha convocato un tavolo con la multinazionale e i responsabili dei sindacati, che pressavano per uno stop totale delle attività e che negli scorsi giorni avevano avviato un confronto serrato con la ditta. «Abbiamo intrapreso tutte le precauzioni per ridurre al minimo l'impatto della pandemia sulle nostre persone - dichiara Pfizer in una nota stampa - che lavorano ogni giorno per portare i farmaci ai pazienti».

L'azienda, inoltre, «continuerà ad adottare ulteriori misure per ridurre la presenza di lavoratori in loco e consentire, al contempo, che più persone possibili possano rimanere a casa». In altri termini: turni di personale estremamente ridotti e rotazione. Nella speranza che, anche senza lo stop all'impianto, le precauzioni e il telelavoro più diffuso possano evitare il diffondersi del contagio da Covid-19 tra il personale della casa farmaceutica.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×