Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania Rete Gas, chiesta la revoca di due avvisi
Rallo: «Attuali dirigenti non verranno prorogati»

Una mozione firmata dai consiglieri dei gruppi Movimento 5 stelle, Italia Viva e misto, punta il dito contro la società partecipata del Comune e la scelta di sondare il terreno al suo interno per scegliere i nuovi vertici dei settori amministrativo e tecnico

Dario De Luca

Un doppio avviso di selezione interna per individuare coloro che nei prossimi tre anni andranno a ricoprire le cariche di dirigente amministrativo e dirigente tecnico di Catania Rete Gas, la società partecipata del Comune. I documenti, pubblicati il 12 maggio, hanno da subito sollevato più di un dubbio, specie all'interno dei gruppi consiliari d'opposizione, con in testa i consiglieri comunali del Movimento 5 stelle. C'è chi dietro quelle pagine ipotizza un tentativo di confermare al proprio posto Salvatore Li Calzi e l'ingegnere Giovanni Saitta. Dal 2017 dirigenti - rispettivamente amministrativo e tecnico - nella municipalizzata che all'epoca si chiamava ancora Asec. 

Oltre agli atti d'interpello interni, sotto la lente d'ingrandimento sono finiti i titoli indicati nel bando per potere partecipare alla selezione. Un generico «titolo di studio universitario in discipline economiche, giuridiche e aziendali» per l'avviso del dirigente amministrativo e «un titolo di studio universitario in ingegneria» come requisito per il prossimo dirigente tecnico. «In entrambi gli atti non viene specificata la tipologia, se laurea triennale, specialistica o magistrale», si legge in una mozione delle opposizioni protocollata ieri con la quale si chiede la revoca degli avvisi. A firmarla, oltre al M5s, ci sono i consiglieri di Italia Viva - Giuseppe Gelsomino, Francesca Ricotta e Mario Tomasello - e quelli del misto - Lanfranco Zappalà, Giovanni Grassa e l'ex sindaco Enzo Bianco. Assente nell'elenco, nonostante appartenga a quest'ultimo gruppo, il consigliere Salvo Di Salvo

«Su questo punto posso dire che è stato ripreso il bando vecchio, al quale è stata aggiunta qualche specifica tecnica», replica a MeridioNews il presidente di Catania Rete Gas Fabio Rallo. «I due avvisi prevedono prima una verifica interna e, se non ci sarà nessuno con i requisiti, l'estensione dell'avviso alle altre partecipate. In un'ultima istanza opteremo per un bando pubblico». Per il presidente, però, non c'è nessuna possibilità che Li Calzi e Saitta restino al loro posto. «Su questa storia - aggiunge Rallo - si è generata una forte confusione. Anche perché è prevista la partecipazione dei dipendenti a tempo indeterminato. Saitta, per esempio, è a tempo determinato. La legge, inoltre, prevede che essendo stati questi dirigenti già prorogati in passato non è possibile conferire loro un ulteriore incarico».

Un altro punto sollevato ieri in commissione partecipate dal consigliere del Movimento 5 stelle Graziano Bonaccorsi è quello relativo al passaggio di alcuni dipendenti da una società all'altra. «Riguarda un contratto di rete per 12 persone - precisa Rallo - Rimarranno dipendenti della società partecipata d'origine ma lavoreranno in prestito con noi per sei mesi. Poi torneranno nelle aziende di provenienza. Il timore di alcuni è che, alla fine, possano essere assorbiti in Catania Rete Gas, ma non è così». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews