Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nebrodi, è stato sciolto per mafia il Comune di Maniace
«Accertati condizionamenti della vita amministrativa»

Il piccolo centro in provincia di Catania aveva subito un accesso ispettivo a fine ottobre 2019. Adesso la decisione del consiglio dei ministri. MeridioNews nei mesi scorsi aveva analizzato alcuni nodi di questa vicenda

Redazione

Foto di: vincenzo costanzo - maniace in photo

Foto di: vincenzo costanzo - maniace in photo

«Accertati condizionamenti della vita amministrativa da parte delle organizzazioni criminali». Sono le parole utilizzate dal Consiglio dei ministri per deliberare lo scioglimento per mafia del Comune di Maniace, piccolo centro abitato nel cuore dei Nebrodi, in provincia di Catania. A proporre lo scioglimento il Ministero dell'Interno guidato dalla ministra Luciana Lamorgese. La commissione ministeriale, incaricata dal prefetto Claudio Sammartino, aveva varcato la soglia del municipio, in via Beato Placido, il 23 ottobre 2019. Un accesso ispettivo in piena regola per verificare quelli che oggi vengono definiti condizionamenti accertati.

Il sindaco Nino Cantali ha sempre rimandato ai mittenti ogni sospetto. A MeridioNews si era detto sereno per il lavoro svolto, escludendo rapporti con le cosche locali. Per capire i dettagli della vicenda bisognerà aspettare la relazione sullo scioglimento. Sotto la lente d'ingrandimento delle forze dell'ordine, con un lavoro interforze, sono finiti documenti, rapporti di parentela e guai con la giustizia. 

In quest'ultima categoria, come svelato in un approfondimento di questo giornale, rientra l'assessore Rodolfo Pignarello Arcodia, titolare delle deleghe al Turismo e alle Attivitá produttive. Tanti anni nel palazzo di città ma anche un processo in corso per associazione a delinquere di stampo mafioso. Una vecchia indagine sulla mafia nel comprensorio di Maniace, Bronte e Cesarò. Il diretto interessato, confermando la vicenda a MeridioNews, aveva replicato dicendo di essere convinto di riuscire a dimostrarla propria estraneità ai fatti. 

Altro caso quello della parentela dell'assessora all'Istruzione Giuliana Coci, cognata di Giuseppe Montagno. Ritenuto dalla polizia e dai magistrati, in un processo ancora non terminato, uno dei vivandieri del pericoloso latitante Vincenzo Sciacca, nel 2015 irreperibile ma destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio. L'esponente della giunta Cantali aveva replicato di essere estranea ai fatti rimarcando la regolarità della sua attività amministrativa.

Nel territorio di Maniace, storicamente legato a Tortorici, per anni hanno dominato i boss Gianfranco Conti Taguali e Valerio Rantone Parasiliti. Il primo inquadrato nella famiglia di Cosa nostra dei Santapaola per due anni ha fatto parte della lista dei cento latitanti più pericolosi d'Italia. Nel 2012 lo hanno catturato i carabinieri del reparto operativo di Catania, sezione catturandi, nel territorio di Caltagirone. Parasiliti, invece, è riconducibile al clan dei Laudani, cosca per la quale avrebbe ricoperto il ruolo di reggente proprio a Maniace. Ad accusarlo, con le sue dichiarazioni, il collaboratore di giustizia Giuseppe Laudani.

Riceviamo e pubblichiamo dall'avvocato Giuseppe Testa nell'interessa di Giuliana Coci:

«La parentela di Coci non costituisce un caso e il suo comportamento non ha influito sullo scioglimento del Comune di Maniace, poiché la relazione del prefetto, nelle note, attestava solo una parentela con soggetto pregiudicato». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews