Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Agguato a Mascali, i colpi esplosi non per uccidere
Forse un avvertimento. Vittime trincerate nel silenzio

Giuseppe Viscuso e Amedeo Puglisi finora non hanno collaborato con i militari che stanno lavorando per ricostruire l'accaduto e individuare responsabili e movente. «Clima di omertà». Potrebbe essersi trattato di un tranello organizzato come avvertimento

Marta Silvestre

Della sparatoria avvenuta ieri sera nel tratto di via Giarre Nunziata, a Mascali, non si conoscono ancora né i responsabili né il movente. È su questo che si stanno concentrando le indagini dei carabinieri di Giarre insieme ai colleghi del comando provinciale di Catania. Nel duplice tentato omicidio sono rimasti feriti da diversi colpi sparati da una pistola di piccolo calibro il 26enne Giuseppe Viscuso e il 33enne Amedeo Puglisi.

Stando a quanto ricostruito finora dagli inquirenti, dietro l'agguato ci sarebbe un contesto illecito. Entrambe le vittime, che sono state ricoverate in ospedale ma le cui condizioni di salute non sono gravi, si sono trincerate nel silenzio. Da loro i militari non hanno avuto nessun indizio utile a individuare gli autori della sparatoria. Nella zona rurale, vicino alla strada statale 114, inoltre non ci sono telecamere di videosorveglianza. «Probabilmente qualcuno avrà visto qualcosa, ma come spesso capita in questi casi - riferiscono gli inquirenti - ci si muove in un clima di omertà».

Secondo quanto emerso al momento, potrebbe essersi trattato di un tranello organizzato per dare una sorta di avvertimento a Viscuso e Puglisi. È vicino casa di quest'ultimo, infatti, che sono stati esplosi gli spari. Diversi sono stati i bossoli repertati dai militari della Scientifica di Catania e inviati ai Ris di Messina). Chiamati al citofono, entrambi sarebbero scesi in strada e, una volta lì, sarebbero stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco. Non è ancora chiaro se si sia trattato di un vero e proprio regolamento di conti ma pare che chi ha sparato non lo abbia fatto con l'intenzione di uccidere.

Nel passato dei due ci sono precedenti per reati contro il patrimonio. Entrambi, adesso, si trovano ricoverati in ospedale: Viscuso al Cannizzaro di Catania con una frattura al femore destro e diverse ferite guaribili in trenta giorni. Puglisi, che si trova ricoverato al Policlinico, ha riportato ferite di arma da fuoco al braccio destro e ai glutei. Per lui la prognosi dei medici resta ancora riservata.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews