Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Car sharing, una seconda chance dopo l'addio di Enjoy
Amt: «Si parte con 50 auto in una piccola area centrale»

Il progetto sarà sperimentato in una porzione limitata della città. «Ma se andrà bene, contiamo di allargare il perimetro», dichiara il presidente Giacomo Bellavia. Le vetture potranno essere lasciate anche in una delle città siciliane dove il servizio è attivo

Marta Silvestre

Quella tra Catania e il car sharing è una vera e propria seconda possibilità. Dopo l'addio di Enjoy di circa un anno fa, da martedì prossimo in città ci saranno 50 macchine già disponibili. A riprovarci è l'Amt, l'azienda di trasporto pubblico locale che ha sottoscritto una convenzione insieme all'Amat di Palermo per una flotta di mezzi della piattaforma AmiGo. «Eravamo pronti per partire già a marzo - spiega a MeridioNews il presidente di Amt Giacomo Bellavia - ma il coronavirus ci ha costretti a ritardare un po'». 

Dal servizio, che parte con 50 auto - Lancia Y e Toyota Yaris alcune delle quali anche ibride elettriche -, al momento restano escluse le periferie. «Stiamo cominciando da un'area molto piccola e centrale della città - illustra Bellavia - anche per imparare a gestire bene questo servizio nuovo per l'azienda. All'inizio, a darci una mano ci saranno anche alcuni addetti della nostra consorella palermitana». Infatti, nel capoluogo il car sharing AmiGo è attivo già da circa un anno. Oltre che nel Palermitano, in Sicilia il servizio funziona a Trapani, EnnaCastellammare del Golfo, Scopello, MonrealeAlcamo. Dalla prossima settimana, alla lista si aggiungerà anche il capoluogo etneo. «Facciamo un primo passo e se andrà bene - aggiunge il presidente di Amt - contiamo di allargare presto il perimetro cittadino». 

Prenotare un mezzo sarà possibile sia dal sito che attraverso l'app. La novità è che l'auto potrà essere lasciata non solo nella città in cui la si è noleggiata, ma anche nelle altre in cui il servizio è attivo. «Sarà un car sharing a livello siciliano in grado di fare reale concorrenza agli autonoleggi privati», afferma Bellavia. Sul sito sono già disponibili le tariffe: il costo del servizio si compone di due parti, una quota fissa di abbonamento annuale (di 25 euro) e una tariffa proporzionale all'effettivo utilizzo dell'auto (diverso in base alla durata della corsa e ai chilometri percorsi). La tariffa free floating (cioè a flusso libero) è di 0,24 euro al minuto dalle 7 alle 22 e di 0,17 euro dalle 22 alle 7 per le percorrenze fino a 50 chilometri, superati i quali bisogna aggiungere 0,35 euro per ogni chilometro percorso. 

Nel post Facebook in cui aveva annunciato il ritorno del car sharing a Catania, Bellavia aveva fatto riferimento alle «richieste di tanti cittadini» per evitare che la città dell'elefante perdesse il servizio dopo l'abbandono da parte di Enjoy. Il servizio realizzato dal gruppo Eni, insieme alle aziende Fiat e Piaggio, ha esordito in città alla vigilia degli Europei di calcio del 2016 e vi è rimasto per circa tre anni. Un periodo in cui ha raggiunto un totale di circa 25mila clienti iscritti. «Un rapporto rispetto al totale della popolazione con patente della città ben inferiore rispetto alle altre città in cui il servizio è attivo», avevano spiegato da Enjoy a MeridioNews dopo l'addio. 

Non solo un numero di noleggi ben al di sotto della aspettative, l'esperienza del servizio di mobilità urbana basato sull'auto condivisa (la Fiat 500 rossa) è fallito anche per «il numero elevato di atti vandalici che - avevano ammesso da Enjoynon ha permesso di ottenere i ricavi necessari per raggiungere la sostenibilità economica del servizio». Auto forzate, rubate, smontate, abbandonate in parcheggi chiusisequestrate per interi fine settimana. Insomma, non resta che sperare che sia buona la seconda.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews