Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Playa, tre delfini morti spiaggiati in due settimane
Biologa: «Esami per capire le cause del decesso»

Questa volta si tratta di un giovane esemplare di sesso maschile di Stenella striata. «Quando siamo arrivati - racconta Clara Monaco di Marecamp - era ancora vivo, non aveva ferite o tagli ma era sfinito e in grosse difficoltà». Guarda le foto

Marta Silvestre

Foto di: Marecamp

Foto di: Marecamp

Ancora un delfino morto spiaggiato alla Playa di Catania. Il terzo in poco più di due settimane. Dei due precedenti episodi, l'ultimo si era verificato il 14 maggio. «Quella che abbiamo ricevuto nel tardo pomeriggio di ieri è una telefonata che non avremmo mai voluto ricevere», spiegano i volontari dell'associazione Marecamp che, dopo la segnalazione da parte della guardia costiera, sono andati al Villaggio Paradiso degli Aranci per constatare la situazione dell'animale in difficoltà. 

È lì che hanno trovato un giovane esemplare di sesso maschile di Stenella striata ancora vivo, adagiato vicino alla battigia. «Dalle prime immagini che abbiamo ricevuto, l’animale appariva stressato e impaurito», spiega a MeridioNews la biologa marina Clara Monaco. Alcuni bagnanti che si trovavano sulla spiaggia hanno più volte tentato di riportare al largo l'animale. Poco dopo, però, è stato trovato di nuovo arenato qualche chilometro più a Nord. «Era in grosse difficoltà da ore, sfinito e spaventato - dice la volontaria - È morto dopo pochi minuti dopo il nostro arrivo». Sul posto, intorno alle 17, per prestare soccorso al delfino erano intervenuti anche nucleo sommozzatori e la sezione navale dei vigili del fuoco del comando provinciale di Catania. 

Una volta deceduto, l'animale è stato spostato in una zona più sicura in cui i volontari di Marecamp hanno effettuato una prima indagine visiva. «Non sono stati rinvenuti segni di ferite o tagli dovuti all’impatto con imbarcazioni o attrezzi da pesca. Non si può escludere - sostengono - che il delfino soffrisse già di eventuali patologie». Come per gli episodi precedenti, anche in questo caso sul posto non è intervenuto un veterinario.  

I volontari hanno anche effettuato le misure biometriche di routine e i dati saranno trasmessi al centro studi cetacei. «Questa mattina ci hanno confermato che la carcassa del delfino è stata consegnato all'istituto zooprofilattico di Catania, quindi - precisa Monaco - nei prossimi giorni verrà esaminato». Dall'associazione Marecamp, inoltre, ci tengono a ribadire che in caso di spiaggiamento di balene e delfini «è importante non toccare gli animali, non affollarsi attorno a loro e, soprattutto, non tentare di riportarli in mare, anche quando sono vivi. Si tratta di animali in difficoltà, spesso impauriti e quasi sempre stremati e indeboliti, quindi tentare di riportali in acqua potrebbe non essere un bene». L’unica azione appropriata è contattare la guardia costiera chiamando il 1530.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×