Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Via Castromarino, quello che resta a sei mesi dal crollo
«Tutto è rimasto bloccato e noi ci sentiamo abbandonati»

«Era inverno e ora è estate. Poi per noi non è cambiato nulla». A parlare a MeridioNews è una delle persone rimaste senza casa. Dal M5s denunciano le misure insufficienti. «Daremo i fondi a chi ha presentato i documenti», risponde l'assessore ai Servizi sociali

Marta Silvestre

«Era inverno e si è fatta estate. A parte questo, per noi non è cambiato nulla, tutto è rimasto bloccato». Oriana Pappalardo Calareso è una delle ex residenti di via Castromarino, dove lo scorso 20 gennaio è crollata parte di una palazzina. A pochi passi da via Plebiscito, nella zona del quartiere Antico Corso, si è creata una «improvvisa voragine» e, sin da subito, è stato ipotizzato un collegamento con i lavori della metropolitana per il completamento della tratta Stesicoro-Palestro. Lo stesso giorno del crollo, il cantiere è stato bloccato e sono iniziate le indagini con un fascicolo aperto dalla procura.

«In questi cinque mesi non si è mosso nulla e noi ci sentiamo abbandonati», racconta Oriana a MeridioNews. Insegnante precaria e madre di un bambino, in quell'abitazione la donna viveva da anni. «La casa è della famiglia di mio marito dal 1953, noi abbiamo speso tutti i nostri risparmi per ristrutturarla e adesso la possiamo solo guardare da fuori». Al momento la donna, insieme alla famiglia, è ancora ospite da un'amica. «Non possiamo restare qui a lungo e l'unica altra alternativa che ci rimane è montare una tenda in piazza Duomo». Nella sua stessa situazione ci sono una cinquantina di famiglie, alcune delle quali sono state costrette a cambiare casa anche ogni settimana.  

«Sin dall'inizio abbiamo precisato di non avere immobili a disposizione - chiarisce a MeridioNews l'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo - Ne abbiamo individuato uno confiscato alla mafia e lo abbiamo destinato a una signora che era incinta e aveva già due bambini piccoli». Non tutti gli alloggi trovati dal Comune però sarebbero stati accettati dai cittadini. È il caso, per esempio, di un immobile in via Vincenzo Casagrandi che «è stato rifiutato perché le condizioni in cui si presentava - ammette l'assessore - non erano il massimo e sarebbero stati necessari dei lavori di ristrutturazione». 

Lo scorso 27 maggio, intanto, la procura di Catania ha autorizzato i lavori di messa in sicurezza (carotaggi, verifiche di eventuali cedimenti e un ponteggio di sostegno). Poi potranno riprendere anche il cantiere della metropolitana che è stato dissequestrato a marzo. «Non ci hanno risarcito i soldi delle ore che abbiamo passato in albergo pagando di tasca nostra - lamenta la donna - e molti non hanno ancora ricevuto nemmeno i 250 euro del buono casa del Comune». 

Dagli ex abitanti di via Castromarino sono arrivate 14 richieste per la misura che prevede un sostegno al canone di locazione e un contributo per il pagamento delle utenze. «Si tratta di fondi europei che richiedono un riscontro per essere erogate - precisa l'assessore - Di loro, solo due ci hanno fornito i documenti necessari (contratto di locazione, quietanza di pagamento mensile e ricevuta delle bollette), e stiamo provvedendo a erogare i soldi in settimana», assicura Lombardo. 

«Dopo 160 giorni nulla si è mosso né dal punto di vista amministrativo né da quello giudiziario», denunciano dal M5s. Per la deputata regionale pentastellata Gianina Ciancio «le risposte date finora dall'autorità comunale sono insufficienti e non risolvono il problema degli sfollati». Le persone rimaste, dall'oggi al domani, senza un tetto sopra la testa chiedono soprattutto di «sapere la verità sul crollo - sottolinea l'ex residente - e di avere certezze sul futuro. Nient'altro». 

Un passo avanti, intanto, potrebbero essere i sopralluoghi. «Nonostante le mie richieste alla commissione Urbanistica - spiega il consigliere comunale del M5s Graziano Bonaccorsi - il sopralluogo non è ancora stato nemmeno calendarizzato. La commissione su Viabilità e Mobilità dovrebbe invece intervenire a breve. La cosa grave - aggiunge - è l'inerzia che rischia di trasformare l'immobile in un cantiere perenne. Come è possibile - si chiede il consigliere - che dall'amministrazione non sia stato pensato un piano alternativo, in cui coinvolgere anche la Regione, per trovare una soluzione a questa emergenza

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews