Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caltagirone, droga trasportata col sistema staffetta
Per ogni spacciatore stipendi da 4.000 euro al mese

Una fiorente attività di spaccio di stupefacenti concentrata soprattutto nel centro del calatino ma anche a Palagonia e a Ramacca. Sequetrati 2.465 grammi di marijuana, 663 grammi di cocaina e 348 grammi di hashish. Guarda il video e le foto

Redazione

La droga acquistata dai fornitori sarebbe stata trasportata con il sistema della staffetta per provare a eludere i controlli delle forze dell'ordine. Nascosta negli slip o anche tra i cespugli di un'area verde o in mezzo alle sterpaglie alla base degli alberi piantati lungo i marciapiede. Un volume d'affari, quello venuto fuori nell'ambito dell'operazione Minosse che ha portato all'arresto di nove persone, che avrebbe fatto raggiungere a ogni singolo spacciatore anche picchi da 4.000 euro al mese

Dalle indagini è emersa una fiorente attività di spaccio di stupefacenti concentrata soprattutto a Caltagirone ma anche a PalagoniaRamacca. Ruoli ben delineati tra i diversi indagati facenti parti del sodalizio malavitoso che avrebbe gestito le diverse piazza di spaccio, una delle quali attiva anche vicino a un istituto superiore di Caltagirone. Linguaggio criptico e trasporto in staffetta dello stupefacente non sono bastati. 

Emanuele Buscemi

Fabio Fortunato

Giuseppe Gambino

Abdulla Hoxha

Valter Hoxha

Giovanni Indovino

Gaetano Oglialoro

Fulvio Pezzano

Giuseppe Russo

Nell’ambito delle attività sono state arrestate dalle compagnie di Caltagirone e di Palagonia 17 persone , sei sono state denunciate in stato di libertà, altri 16 segnalate altre alla prefettura. Durante le indagini sono stati recuperati 2.465 grammi di marijuana, 663 grammi di cocaina e 348 grammi di hashish ed è stata sequestrata anche la somma di denaro contante di 23.215 euro, ritenuto provento dell’illecita attività di spaccio. 

Nel corso dell’operazione, i carabinieri hanno eseguito numerose perquisizioni domiciliari, anche nelle abitazioni di altri indagati, oltre a quelli colpiti della misura. In casa di Fabio Fortunato, sono stati trovati e sequestrati circa 20 grammi di marijuana. L'uomo è stato arrestato in flagranza ed è in attesa della direttissima. Nell'abitazione di uno degli indagati sono state trovate alcune dosi di hashish.

Agli arresti domiciliari
1. Giuseppe Gambino (classe 1998), residente a Caltagirone;
2. Giuseppe Russo (classe 1979), residente a Caltagirone;
3. Giovanni Indovino (classe 1993), residente a Ramacca;
4. Gaetano Oglialoro (classe 1977), residente a Ramacca ai domiciliari nella comunità La forza a Calatafimi Segesta (Trapani);
5. Fulvio Pezzano (classe 1993), residente a Caltagirone;
6. Valter Hoxha (classe 1991) nato in Albania, residente a Caltagirone.

Obbligo di dimora
7. Fabio Fortunato (classe 1985), residente a Caltagirone;
8. Abdulla Hoxha (classe 1996) nato in Albania, residente a Caltagirone (già agli arresti domiciliari);
9. Emanuele Buscemi (classe 1991), residente a Caltagirone.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×