Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sull'Etna si riparte dal primo matrimonio ad alta quota
«Poche escursioni ma il telefono ricomincia a squillare»

Catanese lei, romano lui si sono sposati a 2.860 metri all'osservatorio vulcanologico di Etna Nord. «Ci hanno portato fortuna - racconta a MeridioNews la guida Vincenzo Greco - Abbiamo avuto i primi turisti stranieri». Oggi riapre anche il Rifugio Sapienza

Marta Silvestre

«Non so più da quanto tempo non vedevamo tutta questa gente qui». Il «qui» di cui parla la guida vulcanologica di Etna Nord Vincenzo Greco è l'osservatorio vulcanologico che si trova a quota 2.860 metri. Mentre le escursioni stentano ancora a ripartire dopo il lockdown, l'occasione che ha riunito le persone sull'Etna nella mattinata di ieri è stato il primo matrimonio celebrato con rito civile all'osservatorio di Etna Nord. «È stata una emozione estrema anche per noi - racconta Greco a MeridioNews - e le condizioni sono state ottimali». Poco vento, cielo limpido, crateri calmi. Catanese lei, romano lui volevano entrambi «che fosse una prima volta in un luogo inusuale». A celebrare le prime nozze ad alta quota è stato il sindaco di Linguaglossa Salvatore Puglisi che, già diversi anni fa, aveva spalancato agli innamorati le porte della montagna. Mai però un «sì» era stato pronunciato così in alto. 

«E devo dire che questo matrimonio ci ha portato bene - dice la guida vulcanologica - perché proprio ieri c'è anche stata la prima escursione in lingua inglese della stagione sul versante Nord dell'Etna». Una famiglia di turisti tedeschi, una rarità in questa estate post-pandemia in cui, finora, i visitatori ad alta quota sono stati pochi. «A giugno praticamente non abbiamo lavorato - conferma Greco - escluse le poche persone che sono arrivate proprio alla fine del mese». Adesso, qualcosa inizia a muoversi: «Riceviamo qualche mail con richieste di informazioni e - dice sorridendo - anche il telefono ha finalmente ricominciato a squillare». Piccoli segni di una lenta ripresa. «Le prenotazioni sono soprattutto da parte di turisti italiani. Le pochissime richieste dall'estero - sottolinea la guida - arrivano da Belgio, Francia e Olanda. Dalla Germania una sola mail finora. Ma è già qualcosa». Specie rispetto al niente a cui si è rischiato di andare incontro. «Per risvegliare anche il turismo di prossimità che, al momento, non esiste - racconta Greco - stiamo anche organizzando degli eventi ad alta quota, come le albe o i tramonti».

A soffrire la mancanza di turisti è anche il Rifugio Sapienza che per diverse settimane ha deciso di aprire solo il sabato e la domenica e che proprio oggi riprende l'attività a pieno ritmo - o quasi - dopo 120 giorni di chiusura. «La stima è che faremo meno del 20 per cento rispetto agli anni passati», dice preoccupato a MeridioNews Domenico Moschetto, il proprietario dell'hotel e ristorante. «I primi turisti stranieri ci sono apparsi, come un miraggio, il fine settimana appena passato». Qualche francese, una comitiva di spagnoli e quattro tedeschi. «Siamo stati così contenti di potere rispolverare l'inglese che non abbiamo sparato i fuochi d'artificio solo perché non ce li avevamo», dice ironico Moschetto. 

Dopo un inverno senza neve e con le piste rimaste a lungo chiuse, «speravamo nella stagione estiva. Invece, la situazione è catastrofica: delle 24 camere che abbiamo a disposizione - spiega il titolare - ne abbiamo occupate otto e nei giorni in cui eravamo qui, anche se chiusi al pubblico, nessuno dei pochi escursionisti è entrato nel piazzale a chiedere se si potesse mangiare al ristorante». Intanto, oggi si prova a ripartire con sei dipendenti - invece che i venti impiegati normalmente - e «nonostante l'enorme danno economico che ci portiamo addosso», conclude Moschetto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews