Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania sarebbe pronta ad affrontare un nubifragio?
Esperto: «Soluzione potrebbero essere i tetti verdi»

Cemento, terra, piante, rifiuti. Sopra e dentro i tombini c'è di tutto. «Stiamo provvedendo alla pulizia», dice l'assessore Arcidiacono senza tempi certi. «Serve visione nuova del problema e della gestione della città», spiega il professore Enrico Foti. Guarda le foto

Marta Silvestre

Sigillati con il cemento, tappati con la terra, coperti dalle foglie o dai rifiuti lasciati per strada, trasformati in vasi per le piante spontanee che li fanno sembrare delle istallazioni artistiche. In ogni caso, i tombini catanesi non sarebbero pronti a fare il proprio dovere in caso di una forte pioggia come quella che si è abbattuta sabato sui territori di Scordia e Ramacca o, peggio ancora, in caso di un nubifragio come quello palermitano. «Stiamo provvedendo alla pulizia e allo sturaggio dei tombini», risponde a MeridioNews l'assessore alle Manutenzioni Giuseppe Arcidiacono, senza però sapere dare dei tempi precisi.

via Papale, n° 36

via Ronchi

viale XX Settembre, n° 80

via Etnea, n° 490 (di fronte all'orto botanico)

piazza Borgo

via Orto Limoni

«Ne abbiamo anche ordinati di nuovi - prosegue - perché molti sono rotti e più di un centinaio sono stati rubati. Ho chiesto che vengano acquistati con urgenza ma - sottolinea Arcidiacono - fare spese non è facile per un ente in dissesto. Penso, comunque, che arriveranno presto». Potrebbe già essere tardi se prima arrivasse l'apocalisse che ha colpito Palermo (o anche meno). «Io spero che non arrivi», risponde l'assessore. Strade che si trasformano in fiumi non sono immagini inedite anche per il capoluogo etneo. «La manutenzione delle caditoie aiuterebbe molto - spiega a MeridioNews Enrico Foti, il direttore del dipartimento di Ingegneria civile e ambientale e professore ordinario di idraulica dell'Università di Catania - Anche se, comunque, non sono opere dimensionate per fenomeni così intensi».

Importanti opere di mitigazione per il capoluogo etneo, in realtà, sarebbero già state previste da decenni «ma - ricorda Foti - i canali di gronda non sono attivati e il collettore non è del tutto collegato». Precondizioni fondamentali per fare fronte alla questione dei cambiamenti climatici per cui fenomeni eccezionali rischiano di avvenire con maggiore frequenza e maggiore intensità. Specie in alcune aree della Sicilia che sono più soggette e, tra queste, c'è anche il territorio attorno all'Etna. «Per questo bisogna avere una visione nuova del problema e dell'organizzazione delle città», fa notare il professore.

L'obiettivo per evitare che la pioggia diventi apocalisse è favorire l'assorbimento delle acque ed evitare di contribuire al ruscellamento superficiale (che è il motivo per cui le strade si trasformano in fiumi). «La cementificazione non permette all'acqua di essere assorbita e infiltrarsi e fa aumentare lo scorrimento superficiale», analizza Foti che, nello stesso tempo, ha anche delle soluzioni: «Basterebbe rendere le superfici il più possibile assorbenti - suggerisce - a partire dai parcheggi e dai tetti. Non solo utilizzando pavimentazioni che consentano l'assorbimento ma anche con una delle tecniche più evolute che - spiega - è quella dei tetti verdi». Superfici della parte più alta dei palazzi ricoperti di vegetazione. A Catania un esempio esiste già ed è sul tetto dell'edificio delle aule della cittadella universitaria.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×