Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Calcio Catania in attesa del preliminare di vendita
Più chiari tempi e modi, ma resiste qualche mistero

La prima data è fissata per il 9 gennaio. Meno certo, invece, il giorno della cessione definitiva, che però fonti informali credono fattibile in un mese, con una spintarella alla burocrazia dovuta all'importanza del caso. Ancora dubbi sulla composizione societaria

Claudia Campese

Calza mista per Sigi spa: dolcetti e carbone. Se la Befana potrebbe consegnare i primi già il 9 gennaio, giorno in cui è fissato il preliminare di vendita del Calcio Catania al gruppo guidato da Joe Tacopina; la ricompensa di solito riservata ai bambini meno virtuosi potrebbe arrivare nei mesi successivi, assegnata - se si volessero indovinare i pensieri dell'anziana signora a cavallo della scopa - per litigiosità.

Ma andiamo con ordine. Ieri l'assemblea dei soci - comprensiva anche di quasi tutti i sottoscrittori - ha accettato la proposta di contratto dell'avvocato italo-statunitense. O meglio, ne ha votato il riassunto del contenuto, considerato che il contratto vero e proprio - con le sue decine di pagine e clausole - lo hanno visto in pochi. Confermate le indiscrezioni degli scorsi giorni, con l'aggiunta di qualche dettaglio. In sostanza, Tacopina e il suo pool di investitori metteranno al sicuro la cifra da restituire agli attuali investitori (quote e anticipi di ricapitalizzazione) in un conto dedicato. Cifra che verrà sbloccata nel momento in cui l'Agenzia delle entrate certificherà il debito dichiarato nel preliminare di vendita: ossia 5,5 milioni di euro. Qualora il conto fosse più salato, la differenza verrebbe scalata dal tesoretto.

A preoccupare alcuni attuali investitori Sigi sono stati nelle scorse settimane i tempi della burocrazia, ma pare che negli ultimi giorni siano arrivate rassicurazioni informali: il Calcio Catania dovrebbe andare in cima alla lista delle priorità. E, sperano in molti, la questione potrebbe essere risolta anche entro un mese. Solo in quel momento - lontano o vicino che sia - avverrà la cessione definitiva. Se qualcosa dovesse andare storto, il club tornerebbe nelle mani degli attuali proprietari. 

Nella fase di interregno, le spese andranno affrontate da Sigi in accordo con i nuovi compratori. Compreso il calciomercato, che per forza di cose sarà fatto più di baratto che di veri e propri investimenti. E a proposito di investimenti, poco si sa anche del destino del centro sportivo Torre del grifo (mutuo compreso). Un'ipotesi fantasiosa, insomma, ma che altri vorrebbero comunque scongiurare legando in qualche modo le sorti della struttura al Calcio Catania per almeno dieci anni.

Se quindi la strada sembra essersi in gran parte definita - piaccia o meno a tutti -, a restare misteriosa è la definizione dell'assemblea di Sigi. Con pochi soci e molti sostenitori non formalmente associati, ma paganti. Mistero nel mistero: a non comparire nella documentazione ufficiale della camera di commercio è Gaetano Nicolosimaggiore investitore, che nei documenti informali diffusi dalla stessa Sigi nelle scorse assemblee viene dato per socio con ben 4 quote (per un totale di 20mila euro)

Contemporaneamente, da quel foglio sono sparite le quote del commercialista Antonio Paladino - sotto amministrazione giudiziaria dopo l'arresto del 10 luglio 2020 - e di altre tre realtà. E sarebbero proprio queste le quote acquistate da Nicolosi poco dopo i problemi con la giustizia di Paladino, pare entro lo stesso luglio. Perché non si trovino riportate nei documenti camerali, nonostante un aggiornamento datato 11 settembre (che riguardava il collegio sindacale), non è dato sapere. Forse un ritardo nella registrazione, non è chiaro da parte di chi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×