Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sant'Agata, messe a porte chiuse e trasmesse sul web
«Sarà presente soltanto il sindaco a nome della città»

Presentato il programma di un'edizione che è una prima assoluta in fatto di restrizioni. In occasione dell'offerta della cera le famiglie saranno invitate a radunarsi nelle proprie abitazioni davanti a un cero. Possibilità di entrare in Cattedrale la mattina del 12 febbraio

Redazione

Cattedrale chiusa e messe in streaming. L'edizione 2021 della festa di sant'Agata sarà una prima asosluta in fatto di restrizioni. L'annuncio della sospensione dei festeggiamenti esterni era già stato dato, oggi arriva la conferma della stretta sulla possibilità di prendere parte alle funzioni religiose. Stamattina, alla presenza del arcivescovo Salvatore Gristina e del sindaco Salvo Pogliese, è stato reso noto il programma di quest'anno. Per i giorni clou - 3, 4 e 5 febbraio, ma anche per il 12 - le messe verranno celebrate a porte chiuse e per seguirle bisognerà collegarsi sui canali Facebook e Youtube dell'arcidiocesi. 

«I giorni di festa, anche se vissuti senza i tipici aspetti esteriori che li caratterizzano, saranno per tutta la comunità ecclesiale l’occasione per accostarsi con fiducia, ancora una volta, alla coraggiosa testimonianza di fede della nostra giovane concittadina», si legge in una nota. Anche l'offerta della cera - prevista per le 12 di giorno 3 febbraio - avverrà a porte chiuse. Sarà invece presente il sindaco a nome dell'intera cittadinanza. «Si invitano le famiglie a radunarsi in preghiera nelle proprie case alle ore 20 e ad accendere un lume rosso dinanzi a una immagine di Sant’Agata», è il suggerimento dell'arcidiocesi. Stesso discorso per le operazioni di apertura del sacello e della messa dell'aurora, prevista all'alba del 4 febbraio.

Alle 10 di venerdì 5 febbraio il pontificale di monsignor Salvatore Gristina, alla presenza sempre del primo cittadino. Per i fedeli, in questo caso, l'invito a prendere parte alla messa nella chiesa più vicina alla propria abitazione nel rispetto delle norme anti-Covid. L'11 febbraio - giornata internazionale dell'ammalato - a presenziare alla messa celebrata dall'arcivescovo saranno soltanto i cappellani degli ospedali. Il 12 febbraio, invece, sarà possibile visitare la cattedrale dalle 8 alle 12, mentre alle 19 verranno chiuse per la messa che concluderà le celebrazioni. 

Il 2021 sarà anche l'anno in cui monsignor Gristina concluderà il proprio ministero nell'arcidiocesi etnea. A lui verrà consegnata la candelora d'oro. «Un atto doveroso nei confronti di chi per 19 anni ha servito la nostra città, non solo il mondo religioso - ha commentato il sindaco Salvo Pogliese a margine della conferenza stampa -. Questo è il primo anno in cui mancherà Maina (lo storico cerimoniere morto nel 2020, ndr). Con lui l'anno scorso mi sono confrontato su questa scelta, è anche un modo doveroso di ricordarlo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×