Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nuovo blitz antimafia ad Adrano, sono 30 gli indagati
Dopo la cosca dei Santangelo tocca al gruppo Scalisi

Secondo quanto accertato da MeridioNews sono 12 le persone sottoposte a fermo, nelle prossime ore è prevista l'udienza di convalida. Tra i reati contestati associazione mafiosa, estorsione, traffico di droga e detenzione di armi

Salvatore Caruso

Nuovo blitz antimafia all'alba di oggi ad Adrano. A operare sono stati ancora una volta gli agenti del commissariato di polizia con il supporto della squadra mobile di Catania. L'indagine è coordinata dalla direzione distrettuale antimafia del capoluogo etneo. Da quanto si apprende sono 30 le persone indagate, tutte considerate dagli inquirenti vicine al clan Scalisi, quest'ultimo legato ai Laudani. Sarebbero 12 le persone sottoposte a fermo di polizia giudiziaria. Nelle prossime ore è prevista l'udienza di convalida dinnanzi al giudice per l'indagine preliminare del tribunale di Catania. 

I reati contestati agli indagati andrebbero dall'associazione mafiosa, passando per estorsioni, traffico di droga e detenzione di armi, alcune delle quali sequestrate nel corso dell'attività investigativa. Non è da escludere che l'operazione antimafia possa essere anche il risultato delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia. Quello di oggi è la seconda operazione nel giro di pochi giorni. Lo scorso 23 febbraio 35 persone sono finite nei guai nel corso dell'inchiesta Adrano Libera, sotto la lente d'ingrandimento la cosca dei Santangelo-Taccuni, espressione della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola-Ercolano ad Adrano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×