Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Acireale per il momento resterà nella zona rossa
Possibile proroga. «Contagi continuano a salire»

A lanciare l'allarme è il sindaco Stefano Alì dopo un confronto con il commissario per l'emergenza Covid-19 Giuseppe Liberti. Scarsa anche la risposta ai vaccini per gli over 60. «Segno tangibile di cattiva volontà», spiega il primo cittadino

Redazione

Acireale resterà per almeno un'altra settimana in zona rossa e, quindi, la scadenza dell'attuale ordinanza di mercoledì 28 aprile è destinata a slittare. Lo ha anticipato il sindaco Stefano Alì, dopo un colloquio con il commissario per l'emergenza Covid-19 a Catania, Giuseppe Liberti, durante il quale sono stati analizzati i dati dai quali emerge come la situazione del contagio nell'area non è migliorata. 

Siamo passati a zona rossa - osserva il primo cittadino acese - perché abbiamo superato il limite di 130 soggetti positivi dal 14 aprile scorso e solo un giorno, durante il periodo in esame, ci siamo posizionati al di sotto e oggi siamo a quota 149 per via di 39 nuovi casi. La situazione è delicata anche perché in questo momento abbiamo 379 soggetti positivi, di cui 15 ricoverati in ospedale. Un altro aspetto che merita di essere evidenziato - aggiunge - è quello collegato al numero dei positivi per singolo giorno, una crescita parecchio accentuata che testimonia come, di fatto, siamo tornati quasi ai valori dello scorso dicembre, il momento piu' grave per quanto riguarda il nostro territorio». 

Il sindaco è critico per quanto riguarda la risposta della popolazione ai vaccini. «Domenica scorsa - osserva - al vecchio ospedale era possibile la vaccinazione per gli over 60, ma la partecipazione non è stata significativa. Un segno tangibile di una cattiva volontà a sottoporsi al vaccino, unico strumento che ci può permettere di andare oltre questa situazione drammatica che si è venuta a creare, consentendo il ritorno ad una vita normale ed alla riapertura delle attività commerciali. Invito tutti i cittadini ad avvalersi, ove possibile, dell'opportunità».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×