Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Genio civile, perquisizioni a casa dei funzionari
Trovati soldi in contanti. Nel mirino diverse gare

Stando a quanto risulta a MeridioNews, la guardia di finanza ieri avrebbe fatto visita a imprese di almeno quattro province. I controlli avrebbero riguardato anche l'ingegnere capo che guida gli uffici di via Lago di Nicito. Sequestrati parecchi documenti

Simone Olivelli

Non ci sarebbe soltanto il consorzio Aduno al centro dei controlli che ieri sono stati effettuati dalla guardia di finanza, nell'ambito di quella che parrebbe essere un'indagine legata al mondo degli appalti, in particolare quelle gestite dal Genio civile di Catania. Le perquisizioni, stando a quanto verificato da MeridioNews, avrebbero interessato gli uffici di molte imprese che, negli ultimi anni, hanno ottenuto affidamenti dagli uffici di via Lago di Nicito. Le fiamme gialle avrebbero sequestrato un'importante mole di documenti riguardanti le modalità con cui sono state assegnati i lavori. Sotto la lente d'ingrandimento ci sarebbero ditte con sedi in più parti della Sicilia, tra cui Acireale, Gela, Enna e Comiso.

Ma ad aprire la porta alle forze dell'ordine sarebbero stati anche Natale Zuccarello e Saverio Verde. Il primo è l'ingegnere capo del Genio civile, il secondo è il funzionario che figurerebbe come responsabile unico dei procedimenti che hanno portato all'affidamento delle gare d'appalto sospette. Non è escluso che le perquisizioni abbiano riguardato anche le abitazioni di altri dipendenti pubblici, mentre quel che sarebbe certo è il fatto che nel corso dei controlli i militari abbiano trovato soldi in contanti a casa di più di un pubblico ufficiale. Somme sulla cui provenienza gli investigatori nutrirebbero dei sospetti. Ieri sera, da ambienti vicini alla Regione, si è sparsa la voce secondo cui Zuccarello - a settembre nominato da Nello Musumeci commissario straordinario per gli interventi infrastrutturali strategici della Regione - e Verde avrebbero già valutato l'ipotesi di presentare le dimissioni.

I lavori pubblici gestiti dal Genio civile - tra i quali quelli riguardanti la tenuta Ambelia, sul cui rilancio Musumeci ha fortemente scommesso - già negli anni scorsi sono finiti più volte al centro di approfondimenti di MeridioNews. Nel caso della tenuta Ambelia, invece, più di una volta, la base d'asta è stata fissata appena sotto la soglia del milione, fondamentale - in un'epoca in cui non era ancora entrato in vigore il decreto Semplificazioni - per snellire gli iter di aggiudicazioni, limitando il numero di partecipanti.

In più di un'occasione, dalle verifiche fatte da questa testata, a emergere è stata la mancata applicazione del principio di rotazione nella selezione delle imprese da invitare alle gare d'appalto a numero chiuso. Ciò ha portato anche a una serie di revoche di affidamenti, motivati dallo stesso ente con la necessità di rispettare le direttive dell'Autorità nazionale anticorruzione (Anac). Adesso, però, a volerci vedere chiaro sulle modalità con cui sono stati gestiti gli appalti - nel mirino ci sarebbero sia affidamenti diretti che gare a procedura negoziata, per un valore complessivo di diversi milioni di euro - sono la guardia di finanza e i magistrati di piazza Verga.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×