Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Spaccio, in Appello condannato neomelodico Pandetta
Cessioni di cocaina quando si trovava ai domiciliari

Il cantante in primo grado aveva rimediato sei anni e otto mesi che nel processo di secondo grado scendono a quattro. Il suo nome finì al centro dell'inchiesta Double track della squadra mobile di Catania. Nel mirino le forniture di stupefacenti da fuori regione

Dario De Luca

Foto di: Pagina Facebook

Foto di: Pagina Facebook

Da sei anni e otto mesi, con 30mila euro di multa, a quattro anni e un'ammenda di 17mila euro. Questo l'esito del processo di secondo grado, celebrato davanti alla seconda sezione della corte d'Appello, nei confronti di Vincenzo Niko Pandetta. Il cantante neomelodico è finito alla sbarra dopo essere rimasto incastrato nelle maglie dell'inchiesta Double track. Nome scelto dalla squadra mobile di Catania per ribattezzare il blitz dell'ottobre del 2017 nei confronti di un gruppo criminale ritenuto vicino al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi. Pandetta era accusato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina e marijuana. Droga che, stando alla ricostruzione degli inquirenti, avrebbe venduto mentre si trovava agli arresti domiciliari in via Plebiscito. Era il 2015 quando gli investigatori monitorarono i suoi rapporti, attraverso telefonate e messaggi, con Walter Buscema.

Nelle carte dell'inchiesta, la casa di Pandetta venne definita «una tappa obbligatoria all'uscita di locali e ristoranti» della movida catanese. Fatti che nel processo di primo grado vennero definiti dalla difesa del neomelodico come «lontani dalla persona che Pandetta è oggi e senza collegamenti con la sua attuale carriere da cantante». Oltre a Pandetta, che è nipote del sanguinario capomafia ergastolano Turi Cappello a cui ha dedicato una canzone, alla sbarra c'erano altre 18 persone. Per una di loro, Santa Boncaldo, il presidente ha deciso di dichiarare inammissibile il ricorso della procura di Catania. 

Per Manuel D'Antoni è stata comminata una condanna a 5 anni e 4 mesi, mentre per Mattea Barbera - figlia di Santa Boncaldo - è stata disposta la condanna a 6 anni. L'elenco degli altri imputati: Filippo Beninato (9 anni e 4 mesi), Ciro Capasso (4 anni e 2 mesi), Antonio Davide Florio (6 anni e 8 mesi), Simone Guglielmino (12 anni e 11 mesi), Ivan Angelo Lo Faro (1 anno e 4 mesi), Gabriele Lo Pinto (5 anni e 4 mesi), Pietro Luisi (5 anni e 4 mesi), William Patanè (7 anni e 4 mesi), Ivano Antonio Santangelo (14 anni e 2 mesi), Nunzio Davide Scrivano (9 anni e 10 mesi), Fabio Spampinato (6 anni e 8 mesi), Gianluca Spampinato (7 anni), Giuseppe Scauzzo Treccarichi (5 anni e 5 mesi), Francesco Troina (11 anni e 4 mesi) e Rocco Tutone (5 anni e 4 mesi).

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×