Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tornati (a casa) per tempo, allo Stabile serie teatrale a puntate
Dialoghi veloci, lunghi silenzi e la trasformazione dei personaggi

L'opera andata in scena nella sala Verga era divisa in quattro episodi, con cadenza settimanale, della durata di circa 45 minuti. Un lavoro che ha ripreso, con grande successo, i format delle serie televisive 

Alessia Sapienza

«Tornati (a casa) per tempo è uno spettacolo dove nulla è come sembra». È così che Nicola Alberto Orofino ha definito la serie teatrale che ha ideato durante il lockdown, andata in scena nella sala Verga del teatro Stabile di CataniaDopo aver visto tutte e quattro le puntate è impossibile dargli torto. Il lavoro riprende al 100 per cento il format delle serie tv e ne adatta alla recitazione dal vivo tutte le caratteristiche. Gli episodi, infatti, sono andati in scena con cadenza settimanale, ogni lunedì, con tanto di riassunto di quelli precedenti. Ogni puntata, della durata di circa 45 minuti, ha tenuto inchiodati gli spettatori alle poltrone grazie anche alla drammaturgia, composta da dialoghi veloci e incalzanti ma anche da lunghi silenzi, di Roberta Amato, Giovanni Arezzo, Nicola Alberto Orofino e Alice Sgroi che ha contribuito a mantenere sempre alto il livello di attenzione del pubblico. 

La regia, firmata da Orofino, non ha lasciato nulla al caso e anche il più piccolo dettaglio è stato curato con precisione, così come le scene e i costumi curati da Vincenzo La Mendola e le luci di Gaetano La Mela. Protagonista del palcoscenico la sporca e lurida famiglia De Sanctis, così come la definisce il defunto capostipite, coscienza narrante presente in ogni episodio grazie ad un grande ritratto posto al centro della scena e alla voce fuori campo di Filippo Luna

Sul palco si alternano e si raccontano i tre figli di Vincenzo Maria De Sanctis: Rodolfo (Salvo Drago), direttore del coro della Cappella Pontificia, Violetta (Carmen Panarello), scrittrice pluripremiata di saggi di psicologia, Alfredo (Luca Fiorillo) macellaio gourmet e Carlotta (Cristiana Raggi), moglie di Alfredo. I tre fratelli si ritrovano, dopo 10 anni di silenzio, nella casa natia attorno alla bara del padre, morto in seguito a un incendio che si è sviluppato all'interno dell'abitazione. A contrapporre i protagonisti e a dare vita alla storia è il testamento del genitore defunto, riguardo al quale si sviluppa un’accesa contesa. In realtà, il documento lasciato dal padre è il mezzo che permette ai personaggi (interpretati in maniera impeccabile da tutti gli attori) di raccontarsi, ma anche di scoprire tutti gli altarini che hanno tenuto nascosti durante il lungo periodo di lontananza. Dal primo al quarto episodio si assiste anche a una trasformazione dei personaggi e, soprattutto, del linguaggio utilizzato che passa, in un'escalation continua che segue anche l'evolversi della storia, da giocoso a serio fino a diventare improvvisamente drammatico nell'ultimo episodio.

Il finale è stato inaspettato e se sia stato lieto o meno dipende dai punti di vista perché, così come accade nelle serie televisive, gli scenari che restano aperti sono molti. Che non sia proprio questo l'inizio della seconda stagione? In questo clima di profonda ambiguità dove alla fine davvero nulla è come sembra, una sola cosa è certa: Omnia vincit amor (l'amore vince tutto) anche nella «sporca, lurida e lercia famiglia De Sanctis». Almeno fino ad ora. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×