Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Omicidio Calcagno, in manette un 49enne
La vittima seguita e freddata in campagna

Nelle scorse settimane era stato diffuso dai carabinieri un video in cui si vedeva il killer seguire e uccidere il contadino, all'intero del suo podere nella periferia di Palagonia. Possibile un collegamento con l'uccisione del consigliere Marco Leonardo, fatto per cui il bracciante era reo confesso

Dario De Luca

Potrebbe essere stato risolto l'omicidio di Francesco Calcagno. Il 58enne ucciso nella sua campagna, a Palagonia, lo scorso 23 agosto. I carabinieri hanno fermato un 49enne, Luigi Cassaro, originario di Licata, che potrebbe essere la stessa persona immortalata in alcuni video in cui si vedevano le fasi precedenti e successive al delitto. 

Filmati fondamentali per le indagini che sono stati estrapolati dal sistema di controllo che il bracciante agricolo aveva istallato nel suo podere. Calcagno era già noto alle cronache giudiziarie per essere a sua volta accusato di un altro fatto di sangue: l'omicidio del consigliere comunale Marco LeonardoUcciso il 5 ottobre 2016 dopo una furibonda lite tra i due in un bar del centro storico.

A occuparsi del caso sono stati i carabinieri del comando provinciale di Catania, insieme ai colleghi delle stazioni di Palagonia e Riesi, piccolo centro in provincia di Caltanissetta. Particolare quest'ultimo che potrebbe collocare geograficamente anche il luogo di provenienza dell'uomo accusato di essere il killer. Nelle scorse settimana era stata proprio l'Arma a diffondere alcuni video per chiedere ai cittadini di collaborare, fornendo particolari utili alle indagini per risalire all'identità del killer che, probabilmente, potrebbe essere arrivato da fuori i confini della provincia etnea. 

Sull'intera vicenda non si esclude un collegamento anche con i fatti del 2016, ovvero con l'uccisione di Leonardo, politico chiacchierato per un vecchio arresto, risalente al 2008, e la sua vicinanza ad alcuni personaggi di spicco di Cosa nostra tra Palagonia e Ramacca. Anche il procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera sembrava non mettere in soffitta l'accostamento tra i due fatti di sangue: «Sembrerebbe una vendetta - diceva - ma si viaggia su tante ipotesi». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×