Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Amministrative '18, l'eterno ritorno degli alfaniani
Massimo Pesce l'assessore in quota Castiglione

L'affermazione delle new entry Dario Grasso e Alessia Trovato riabilita l'area di Pino Firrarello e del genero. Che si riprendono Forza Italia a scapito degli altri big e puntano tutto sull'ex assessore alla polizia municipale di Raffaele Stancanelli

Francesco Vasta

Fuori dai giochi, ma nemmeno per due mesi. Le Comunali di Catania restituiscono al centrodestra attori che qualcuno aveva già riposto nel cassetto dei ricordi. L'area dell'ex sottosegretario Giuseppe Castiglione e dell'ex senatore Pino Firrarello è invece ritornata in prima linea, forte come molti non avrebbero mai scommesso. È uno degli effetti a lungo termine, si direbbe, di quel rientro in Forza Italia degli alfaniani, per cinque anni costola del Partito democratico, consumatosi a fari spenti durante l'avvicinamento alle Politiche del 4 marzo. Da quella tornata non arrivarono gioie per i brontesi, costretti a salutare la politica romana. Speranzosi però di un ripescaggio che adesso passa da Palazzo degli elefanti

Le consultazioni del 10 giugno sorridono infatti agli ex alleati di Matteo Renzi. Ciò in forza dell'ottimo risultato dei candidati piazzati nella lista azzurra, primo partito della coalizione del vincente Salvo Pogliese. Ben due fra questi diventano consiglieri comunali, Dario Grasso e Alessia Trovato, quinto e sesto posto in FI, entrambi con oltre 800 preferenze. E così a sfregarsi le mani è soprattutto Massimo Pesceex assessore di Stancanelli al Comune, in passato anche in giunta con Castiglione alla Provincia. È lui il più importante pontiere fra la Forza Italia etnea e i brontesi tornati senza troppo penare a Canossa, con cui si è schierato dopo aver mollato l'Mpa di Lombardo. Ruolo che adesso potrebbe fruttargli il ritorno in giunta, occupando la casella che, nel gioco delle poltrone che disegnerà il futuro esecutivo a Palazzo degli elefanti, spetta al partito azzurro.

Il canale diretto con Pogliese, d'altronde, è costante e promettente. Già dallo scorso gennaio quando, fino all'ultimo, si provò ad inserire in uno dei listini forzisti per il Parlamento un uomo di Castiglione: uno degli identikit più sussurrati era proprio quello di Pesce. Poi arrivarono i diktat romani e l'esclusione dei catanesi dalle liste, di cui Pogliese stesso, come raccontato a MeridioNews, fu prima vittima. L'intesa in direzione Bronte era comunque tornata di moda, mentre invece finivano nel ripostiglio gli strali lanciati dallo stesso neosindaco di Catania contro i transfughi delle larghe intese, a Roma come a Palermo, che avevano mollato il vecchio Pdl in frantumi. 

Ma da dove vengono pescati i voti consegnati da Pesce a Pogliese? Soprattutto dai Caf attivi uno in via Caronda e l'altro in zona Castello Ursino della blindatissima accoppiata di neoconsiglieri Dario Grasso e Alessia Trovato. Il primo arriva dalla III municipalità, dove era consigliere con Articolo 4; Trovato viene invece dalle fila dei lombardiani di Grande Catania, dove aveva centrato l'elezione alla I municipalità. Quella sua poltroncina è rimasta in famiglia: il padre Rosario, forte di 432 preferenze, è stato appena eletto sempre alla prima circoscrizione. Fra i firrarelliani 2.0, inoltre, lusinghiero è anche il risultato di Agata Scalia, prima dei non eletti di FI, altra candidata traghettata da Pesce nella lista azzurra assieme a Salvo Smirni, fermatosi a 554 preferenze. Chiudono l'elenco due-tre nomi da 100-200 voti. Gli equilibri così si piegano a loro favore, il tutto a scapito degli altri big etnei del partito, da Dario Daidone a Pippo Arcidiacono, senza rappresentanti in aula.

C'è, infine, una testa di ponte in una delle civiche del centrodestra, Salvo Pogliese sindaco: Salvatore Peci, eletto per un soffio. Lui è l'uomo sostenuto dall'avvocato Piero Lipera e dai leghisti ribelli Anastasio Carrà e Filippo Drago, i sindaci di Motta Sant'Anastasia e Aci Castello in polemica con il duo Fabio Cantarella-Angelo Attaguile al vertice della Lega catanese. Anche Giuseppe Castiglione, comunque, ha brindato per il risultato di Peci, con cui il rapporto è consolidato. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×