Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sant'Agata: Comitato legalità vuole intervento del vescovo
«Ombre su pregiudicati nell'associazione della Cattedrale»

Un approfondimento di MeridioNews aveva alzato il velo sulla presenza di pregiudicati nel gruppo di devoti presieduto dall'ex maestro del fercolo Claudio Baturi. Domani si terrà una conferenza stampa sulla vicenda

Dario De Luca

«Le festa di Sant'Agata è alle porte e non è accettabile che vi si possa giungere ancora una volta con queste ombre». Destinatario del messaggio l'arcivescovo di Catania Salvatore Gristina chiamato, dal Comitato per la legalitàa fare chiarezza sulla gestione delle associazioni agatine che compongono la galassia dei devoti. Sotto la lente d'ingrandimento, nello specifico, il gruppo che fa riferimento alla cattedrale etnea, guidato dal 1996 dall'ex maestro del fercolo Claudio Baturi. Durante la sua gestione, come emerso da un approfondimento esclusivo realizzato da MeridioNews, sulla vara si sono alternate persone con precedenti penali. Un connubio, quello tra mondo criminale e fede, che si ripresenta ancora una volta e che avrebbe caratterizzato anche l'associazione agatina. La stessa che rientra nella giurisdizione del vescovo etneo.

Da qui la richiesta di chiarimenti da parte del comitato. Secondo quanto riferito dai componenti - che domani terranno una conferenza stampa nella sede dell'associazione Cittàinsieme - l'arcivescovo Gristina, dopo l'articolo di MeridioNews, avrebbe risposto «di avere saputo dalla stampa del problema, e di avere avviato da tempo un processo di revisione degli statuti delle associazioni, individuando regole più stringenti per non consentire a chi risulta essere condannato per reati di allarme sociale o morale di rivestire la carica di associato». Tra le persone che negli anni hanno messo al petto il tradizionale distintivo dell'associazione Cattedrale c'è stato anche l'ex killer del clan Cappello Gaetano D'Aquino, immortalato da una fotografia mentre nel 2009 si faceva spazio per accedere alla stanzetta che conserva le reliquie della martire. Il boss, che da qualche anno è diventato collaboratore di giustizia, raccontò ai magistrati di avere partecipato alla festa come devoto. Un ruolo, di fedele e iscritto al gruppo agatino, condiviso con Francesco Ragusa. Noto pregiudicato con un passato da affiliato al clan Cursoti, finito gambizzato nel 2013 mentre si trovava in via Plebiscito

«Pensiamo - proseguono nella loro nota dal Comitato per la legalità - che indipendentemente dalla revisione degli statuti, da tempo si sarebbe dovuto fare chiarezza sulla presenza di alcuni personaggi. Motivo per cui si chiede che la situazione dell'associazione Sant'Agata cattedrale venga affrontata quanto prima». Quello dei devoti riuniti all'interno di congreghe è un problema emerso in passato. Nello specifico con lo storico circolo Sant'Agata, reo di avere dato l'onore delle tessere numero uno e due a Nino Santapaola ed Enzo Mangion.

Della festa si è occupata anche la magistratura. Con un processo, conclusosi in secondo grado con l'assoluzione degli imputati, per il presunto controllo del gotha mafioso catanese sui festeggiamenti. Non è un mistero che tra i devoti che si sono alternati nei ruoli di massima visibilità, come il trasporto del busto reliquario all'esterno della cattedrale, ci siano stati volti noti di Cosa nostra. A dire la loro sulla terza festa religiosa più partecipata al mondo sono stati anche numerosi collaboratori di giustizia. Natale Di Raimondo, per esempio, svelò l'aneddoto di uno stendardo della sua famiglia appeso nella candelora del circolo agatino quando era reggente dei Santapaola nel quartiere di Monte Po.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews