Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scandalo Etna, M5s: «Ritirare licenze alle guide»

Redazione

Foto di: Brigitte Djajasasmita

Foto di: Brigitte Djajasasmita

«Mesi fa avevamo denunciato irregolarità e criticità sul concorso per guide vulcanologiche sull'Etna insieme a un modus operandi volto ad avvantaggiare concorrenti vicini ai componenti della commissione d'esame. Avevamo chiesto al governo di assumere una posizione netta, costituendo una commissione di indagine e sospendendo gli esiti delle prove, dal momento che la magistratura aveva aperto un fascicolo. L'unica risposta ricevuta dall'assessore regionale al Turismo, in aula, è stata che dalle verifiche dei suoi uffici, che avevano interpellato la commissione, finita nel mirino della magistratura, 'non erano emerse criticità tali da giustificare l'adozione dei provvedimenti che avevamo richiesto e che l'iter era terminato e le licenze consegnate». 

Lo dice la deputata regionale Angela Foti del M5s, che, dopo l'inchiesta della Procura di Catania sull'affidamento delle gare per le escursioni, ha presentato un'interpellanza all'Ars per chiedere al Governo regionale di ritirare le licenze «indebitamente ottenute dai vincitori del concorso guide vulcanologiche». Per Foti «si tratta di un provvedimento necessario a restituire credibilità all'operato delle istituzioni e garantire l’imparzialità della Pubblica amministrazione che stando ai fatti – afferma la parlamentare - risulta compromessa»

Le fa eco la deputata regionale del M5S, componente della commissione Antimafia dell'Ars, Roberta Schillaci, che aggiunge: «La gestione monopolistica dell'economia siciliana favorisce fenomeni corruttivi e forme di collusione che frenano lo sviluppo in particolare di uno dei comparti chiave per la crescita del pil e degli occupati in Sicilia». 

«Ritengo opportuno, dal momento che l'Antimafia regionale da quest'anno indaga anche fenomeni di corruzione – prosegue - procedere a una vera e propria bonifica degli uffici che sovraintendono il rilascio di concessioni perché il dipendente infedele, che si macchia di questi reati arreca un danno enorme ai tanti siciliani, sempre più spesso costretti a lasciare questa terra». «È chiaro che le aziende coinvolte in eventuali inchieste vanno preservate, il personale tutelato, e affidate a una task force di figure tecniche che possano scongiurarne la chiusura». Infine, Schillaci ricorda che «in materia turistica, mesi fa, il M5S ha presentato un ddl, ci chiediamo - conclude - che fine ha fatto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email