Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pd Catania, chi vince e chi perde dopo le primarie 
Sammartino-Barbagallo mattatori, Bianco fa flop

Nicola Zingaretti trionfa anche nel Catanese, piazza che però si conferma roccaforte renziana sull'onda del radicamento degli ex Articolo 4. Delude in città la lista capeggiata dall'ex sindaco Enzo Bianco. In provincia svetta l'ex assessore al Turismo

Francesco Vasta

I numeri delle primarie stravinte da Nicola Zingaretti fotografano un Pd catanese dall'animo sempre più centrista. Un equilibrio che le Regionali del 2017 avevano plasticamente rappresentato per la prima volta: un partito con tre anime in fortissima competizione, quando non in aperto scontro. All'Ars volarono il renziano Luca Sammartino, ex Articolo 4 campionissimo di preferenze, e l'assessore al Turismo uscente Anthony Barbagallo, ex Mpa e uomo forte dell'area Franceschini in Sicilia. Primo dei non eletti fu Angelo Villari, volto di punta dell'ala laburista del Pd, emanazione del radicamento territoriale della Cgil catanese. Le primarie di domenica scorsa traghettano il partito in un futuro che archivia l'era Renzi nel rispetto di tale tripartizione. I due ex centristi - Sammartino sostenendo l'ex ministro Maurizio Martina, Barbagallo da regista delle liste Piazza Grande Europa per Zingaretti - fanno incetta di consensi mentre rialzano la testa anche dal fronte più a sinistra. «Noi ci siamo, malgrado qualcuno desiderasse il nostro annullamento - scrive su Facebook l'ex deputata Ars Concetta Raia, schieratasi con Zingaretti con tutto il fronte sindacale - e da questo dato ripartiamo con più tenacia ed energia».

Catania, fra collegio cittadino e collegio provinciale, consegna al fratello di Montalbano oltre 13mila voti, frutto della convergenza di Barbagallo e laburisti sul presidente della Regione Lazio. A Catania città sono 3620 i voti, così ripartiti per lista: Piazza Grande Europa 957, 1744 per Piazza Grande Sicilia (la lista sostenuta dai laburisti) e 919 di singole preferenze per Zingaretti. L'area Cgil supera così il contenitore dal richiamo europeista, fermo sotto i mille voti malgrado la presenza di un top player come Enzo Bianco nel ruolo di capolista. L'ex sindaco strappa comunque il ticket per l'Assemblea nazionale del Pd assieme a Gaetano Palumbo, capolista di Piazza Grande Sicilia. Ma il capoluogo è anche uno dei fortini renziani: la lista a sostegno di Martina, spinta da Sammartino e dalla senatrice Valeria Sudano, ha totalizzato 3151 preferenze. Scattano così due seggi per Roma per i fedelissimi di Sammartino Andrea Guzzardi e Serena Cantale. Fuori l'ex deputato Ars Gianfranco Vullo, terzo nel listino di Martina. Alle Regionali si era candidato contro il Pd, nella lista autonomista di Raffaele Lombardo a sostengo di Nello Musumeci

In provincia è invece Anthony Barbagallo a prendersi il primo posto fra gli zingarettiani. Il neosegretario Pd supera nel complesso i 10mila voti, di cui 4610 arrivano dalla lista barbagalliana Piazza Grande Europa e 3873 dalla lista della corrente sindacale. In Assemblea nazionale vanno lo stesso deputato regionale seguito dall'ex consigliera comunale catanese Ersilia Saverino e da Gaetano Sanfilippo. In Piazza Grande Sicilia scattano invece i seggi di Angelo Villari e Giovanna Scalia. I renziani, in ogni caso, tengono botta anche nel collegio provinciale: sono 4595 i voti per la lista Sicilia per Martina. Gli eletti sono Sammartino, la consigliera comunale di Giarre Antonella Santonoceto e il consigliere comunale di Bronte Rosario Liuzzo. 

Terzo posto in entrambi i collegi, assai distanziate da Zingaretti e Martina, per le liste a sostegno di Roberto Giachetti, l'altro aspirante segretario Pd. A Catania città - dove capolista era Carlotta Costanzo, eletta a ottobre nel cda dell'Università etnea in quota centrosinistra - arrivano 424 voti; nel collegio provinciale, dove capolista era Simone Rizzo, sono invece 1014. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×