Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Comunali 2019, chi ha vinto e chi ha perso la partita
Sammartino sorride ad Aci Castello, Carrà si rilancia

Larghe le vittorie di Carmelo Scandurra e Salvo Chisari a Ragalna. Deludono Rosaria Coco a Zafferana Etnea e Danilo Festa a Motta Sant'Anastasia. Salvo Russo vince col voto dei terremotati della frazione di Fleri, dove fa incetta di consensi

Redazione

Dove ci si aspettava una vittoria facile, così è stato. Dove ci si aspettava un testa e testa, l'incertezza ha prevalso quantomeno nella primissima fase dello scrutinio. L'esito delle elezioni amministrative in provincia di Catania ha rispettato i pronostici in tutti i quattro Comuni alle urne. Carmelo Scandurra ad Aci Castello e Salvo Chisari a Ragalna partivano da favoriti e già un'ora dopo l'inizio dello spoglio avevano virtualmente indossato la fascia tricolore. In entrambi i casi è il centrosinistra a poter esultare: Ragalna rimane in orbita dem vista la riconferma di Chisari, sindaco uscente legato al deputato regionale Pd Anthony Barbagallo. Lo sfidante Emanuele Motta, un tempo assessore del vincitore, non è riuscito a intaccare il consenso di cui gode Chisari in paese. Ad Aci Castello il presidente del consiglio uscente - uomo di Luca Sammartino - sbanca dall'alto della sua corazzata di sette liste, assemblata svuotando il vecchio centrodestra di Filippo Drago

L'ormai ex sindaco castellese si arrende assieme a Ezia Carbone, la candidata su cui si è consumata la rottura della maggioranza. Il suo nome, spinto oltre che da Drago anche dall'ex senatore Pino Firrarello e dal suo genero Giuseppe Castiglione, aveva avuto il via libera dal sindaco di Catania Salvo Pogliese - quando ancora era in Forza Italia - e da Fratelli d'Italia, Udc e autonomisti. La benedizione dei big verso la vicesindaca aveva, però, fatto scattare la fuga degli assessori in carica e di vari consiglieri uscenti verso Scandurra. Il neo primo cittadino di Aci Castello, ex Alleanza nazionale, ha così accolto la gran parte dei portatori di preferenze locali che mai avevano pensato di lasciare l'eredità di Drago a Carbone. A partire da leghisti ed ex forzisti, mimetizzati nelle liste civiche che stemperano l'impronta partitica del trionfo di Scandurra, comunque patrocinata dal dem Sammartino. La delusione non è solo affare di un centrodestra ridotto ai minimi termini: il Movimento 5 stelle, rappresentato dall'uscente consigliere Antonio Bonaccorso, non sfonda accontentandosi del terzo posto. 

Tutta un'altra storia a Motta Sant'Anastasia e Zafferana Etnea. Nel paese della discarica, Danilo Festa perde la resa dei conti con l'avversario di sempre, il primo cittadino leghista Anastasio Carrà. Non è bastato, per l'attivista dei comitati, allargare la base della sua lista ai centristi e a forze non assimilabili al background di sinistra del candidato. Carrà ha tenuto altissimo il livello dello scontro, ricevendo forse dalla trionfale visita di Matteo Salvini a Motta la spinta che ha definitivamente demoralizzato gli avversari. Ancora più importante, per il secondo mandato del sindaco, l'innesto che tanto aveva fatto discutere: l'assessore designato Gaetano Vitale, fedelissimo del deputato Sammartino, riceve centinaia di voti in ogni sezione. Il sostegno di provenienza dem a Carrà è sempre stato smentito da entrambe le parti, ma di fatto l'apporto risulta decisivo. Quasi ininfluenti le prove degli altri due candidati: Natale Consolicentrista anche lui vicino a Sammartino, e l'ex sindaco Carmelo Santagati. Con una vittoria che, inoltre, non è di misura, Carrà si rilancia anche in ottica Lega. Sarà difficile per i salviniani catanesi rinunciare o ridimensionare il ruolo del sindaco di Motta nelle gerarchie del partito.

Dura un'ora il sogno di Rosaria Coco a Zafferana: l'assessore Salvo Russo, sponsorizzato sia da Anthony Barbagallo che dall'assessore regionale forzista Marco Falcone, trionfa infliggendo alla fedelissima di Firrarello un distacco che supera i 500 voti. Davanti alla scelta fra la lista che più punti in comune ha con l'amministrazione uscente di Alfio Vincenzo Russo, Progetto Polis, e l'appello al cambiamento di Coco, il paese etneo ha preferito la prima opzione. Come ad Aci Castello, anche a Zafferana per il Movimento 5 stelle non arriva nessun exploit. Non è servita, alla candidata Melita Scuderi, la martellante campagna sulla ricostruzione post-terremoto di Santo Stefano che il governo nazionale si appresta a sostenere. Nelle frazioni distrutte dal sisma, a partire da Fleri, è Russo a fare incetta di consensi. Buona anche la prova dell'ex deputato Ars Alfio Barbagallo, candidato al consiglio con Rosaria Coco, ma il suo pacchetto di preferenze serve soltanto a contenere il tracollo dell'aspirante sindaca che aveva avuto anche l'endorsement di Salvo Pogliese. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.