Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caso Unict, studenti chiedono le dimissioni di Basile
«Difendiamo la nostra dignità, lui se ne deve andare»

Pochi docenti sono scesi in piazza assieme ai ragazzi e alle ragazze che frequentano l'università degli Studi di Catania. Quelli presenti preferiscono rimanere anonimi e quasi sottovoce dicono: «Non è tutto da buttare». «Ora basta», attaccano collettivi e associazioni

Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

«Sembra quasi che sia un problema di Catania, ma anche nel resto d'Italia è così». I docenti che ci sono preferiscono rimanere anonimi. Alcuni sono scesi in piazza, stasera, assieme agli studenti dei collettivi e delle associazioni studentesche, per manifestare di fronte al Rettorato dell'università degli Studi di Catania. Ragazzi e ragazze seduti in cerchio di fronte al portone principale: in una stanza al primo piano, la poltrona del rettore Francesco Basile è vuota. Lui è stato sospeso dalle sue funzioni - assieme a nove direttori di dipartimento e al suo prorettore Giancarlo Magnano San Lio - per volere della procura etnea, nell'ambito dell'inchiesta Università bandita. I magistrati ipotizzano un sistema di concorsi cuciti su misura sui candidati che avrebbero dovuto vincerli. In tutto ci sono una sessantina di indagati, e circa quaranta verrebbero dall'ateneo catanese. Un'ecatombe.

«Non sono casi isolati», attaccano gli studenti che gridano «Ora basta». «Questo è il frutto della riforma Gelmini - continuano - che ha aumentato il potere dei baroni». La richiesta è unica: «Vogliamo le dimissioni immediate del rettore, per difendere la dignità degli studenti ed evitare che questa vicenda incida sul nostro percorso di formazione. Serve che nelle università non decidano più in pochi, ma in tanti». Il riferimento è agli strumenti democratici interni dell'ateneo, i cui componenti sarebbero stati eletti con il metodo dei «pizzini», per usare un termine emerso dalle intercettazioni della procura di Catania.

A fare da contraltare alla rumorosa piazza, c'è stato il silenzio della giornata di oggi. «Oggi nei corridoi c'era molta tensione - dicono i professori in mezzo ai giovanissimi - Nessuno può dire quali saranno le conseguenze di questa inchiesta e se, e come, verranno strumentalizzate. Quel che è certo è che a Catania c'è tanta qualità, negli studenti e non solo». Una difesa a mezza bocca dell'ateneo, nell'attesa che anche i docenti trovino il modo di alzare la voce: «Non è tutto da buttare».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.