Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena, il Comune non si costituisce contro la mafia
«Si è scelto di agire solo verso amministratori infedeli»

L'ente locale guidato dal sindaco Nello Oliveri, finora, ha deciso di prendere posizione in tribunale solo contro ex sindaci, imprenditori, giornalisti e società coinvolte. Nessuna azione è stata intrapresa nei confronti dei clan

Simone Olivelli

Foto di: basilio orfila

Foto di: basilio orfila

«L'amministrazione adotterà tutti gli atti necessari a salvaguardia e tutela dell'ente». Formula che, resa con parole più semplici, dovrebbe significare che il Comune è pronto a costituirsi parte civile. Accade ad Aci Catena, dove all'inizio del mese la polizia ha tratto in arresto con l'accusa di corruzione il dipendente comunale Pippo Castro

L'accusa per l'uomo, che ultimamente si trovava in servizio nel settore Urbanistica ma che per tanti anni ha lavorato all'Ecologia, è quella di avere stretto un rapporto corruttivo con Vincenzo Guglielmino, l'ex titolare della ditta Ef Servizi Ecologici, deceduto a dicembre dello scorso anno. Guglielmino era stato arrestato nel blitz Gorgoni, che portò in carcere anche l'ex sindaco Ascenzio Maesano, il titolare di un'altra società che ambiva all'appalto per i rifiuti ad Aci Catena, Rodolfo Briganti, e una serie di persone ritenute legate ai clan Cappello e Laudani. La gara settennale infatti, ancor prima che stuzzicare gli appetiti degli imprenditori, avrebbe fatto gola alla mafia. In quella inchiesta, era l'ottobre del 2016, la figura di Castro compariva in più di un passaggio, al punto da portare i magistrati della Dda di Catania a vedere in lui la figura scelta da Guglielmino per fare da intermediario non solo con l'amministrazione comunale ma anche con il gruppo locale dei Laudani.

Gorgoni è solo una delle inchieste che negli ultimi anni hanno acceso i riflettori sulla presunta permeabilità dell'ente catenoto alla criminalità organizzata. Esattamente due anni dopo, a finire in manette nell'operazione Aquilia è stato un altro ex sindaco, Pippo Nicotra. Per l'ex deputato, che nel 1993 fu protagonista dello scioglimento per mafia del consiglio comunale, l'accusa è di avere legato la propria carriera imprenditoriale e politica ai Santapaola

Ma se per trarre conclusioni sugli intrecci tra mafia e politica bisognerà attendere le sentenze - il processo Gorgoni è alle prime fasi dibattimentali, mentre per Aquilia non si è ancora chiusa l'udienza preliminare - un elemento su cui ci si può soffermare riguarda proprio la posizione assunta dall'ente locale in tribunale. Il Comune, oggi guidato dal sindaco Nello Oliveri con una maggioranza che vede protagonisti molti volti delle precedenti esperienze amministrative, fin qui ha deciso di costituirsi parte civile soltanto contro ex amministratori, imprenditori, giornalisti e società coinvolte. Mentre nessuna azione è stata intrapresa nei confronti dei clan

L'opportunità di presentarsi davanti ai giudici affermando di avere subito un danno d'immagine e per questo, in caso di condanna, chiedere ai mafiosi un risarcimento è una scelta che da altre parti è stata già colta. A Troina, per esempio, la giunta guidata da Fabio Venezia ha preso posizione contro la criminalità organizzata. «Ci siamo costituiti parte civile sia per il danno all'immagine della città ma anche a sostegno delle vittime e il giudice ha riconosciuto le nostre ragioni», commenta il primo cittadino. Ad Aci Catena, invece, le valutazioni sin qui fatte sono state differenti. L'ente ha chiesto al proprio ufficio legale di portare avanti le istanze contro la mala gestione dei precedenti sindaci, senza però ritenere di doversi presentare come vittima delle ingerenze mafiose. 

Una decisione che, al netto del reale riconoscimento del diritto a un risarcimento di natura economica, per tanti rappresenterebbe un messaggio chiaro. La posizione del sindaco sulla questione è diversa: «Si è deciso di costituirsi parte civile nei confronti di quelle figure che, con il proprio operato, hanno agito in direzione opposta all'interesse collettivo. Ciò non significa che in futuro si possa decidere di estendere la decisione anche nei confronti di altri soggetti», dichiara Oliveri. Allo stato attuale, tuttavia, considerato l'inizio del dibattimento nel processo Gorgoni, ci sarebbe ancora tempo per presentare istanza nel procedimento che vede alla sbarra i Santapaola di Aci Catena e Nicotra. 

Nel recente passato, il Comune di Aci Catena è stato interessato da altri due processi. Il primo, ormai concluso con le condanne definitive per corruzione, ha visto alla sbarra lo stesso Maesano e l'ex funzionario e consigliere Orazio Barbagallo. Per entrambi, il giudice ha accolto la richiesta di risarcimento nei confronti dell'ente, che si era costituito parte civile. Il secondo, invece, è ancora aperto e riguarda il caso Gettonopoli per gli anni della passata sindacatura. In questo caso, il Comune non si è presentato all'udienza preliminare.Tra gli imputati compaiono diversi esponenti dell'attuale maggioranza, tra i quali il presidente e il vicepresidente del consiglio comunale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews