Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bellini, un flash mob sinfonico contro la chiusura
«Presidente, non trasformi il teatro in una tomba»

La Cgil di Catania è scesa di nuovo in strada, stamattina, a sostegno dei lavoratori Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania. Ancora una volta, l'appello ha un destinatario preciso: il governatore siciliano Nello Musumeci. Guarda le foto

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

«Siamo qui, in questa valle di guai». I lavoratori del Teatro Massimo Bellini di Catania sono di nuovo scesi in strada. Di fronte al Teatro Sangiorgi, in via di Sangiuliano, sono circa un centinaio. Gli artisti dell'orchestra suonano l'Inno di Mameli in una sorta di flash mob sinfonico mentre altri reggono un eloquente striscione: «Presidente, non lasciamo che la culla dell'arte ne diventi la tomba». Il messaggio è chiaro e il suo destinatario pure: il governatore siciliano Nello Musumeci. È a lui che le maestranze si rivolgono affinché i fondi per il Bellini si trovino, e in fretta.

Senza l'approvazione del documento collegato alla finanziaria regionale, infatti, non ci sono soldi appostati a partire dal 2021. Uno zero nel bilancio che, per chi è sceso a protestare stamattina, è sinonimo di abbandono. «Siamo qui per riprenderci il nostro teatro», afferma Loretta Nicolosi, rappresentante sindacale della Cgil di Catania. «La Regione ha abbandonato a sé stessi i lavoratori e un baluardo della cultura - continua - Ma evidentemente nessuno aveva fatto i conti con i catanesi e con la comunità internazionale: a macchia d'olio la notizia si sta diffondendo, i grandi artisti di tutto il mondo che hanno lavorato in questo teatro provano sgomento di fronte a una cosa del genere e ci mandano messaggi. Sono sconvolti».

Mesi fa, durante un incontro con le rappresentanze sindacali, il presidente Musumeci aveva «annunciato che il teatro era salvo - continua Nicolosi - Poi però la discussione sul Bellini si è fermata perché a Palermo sono andati in ferie. Il teatro è qui a protestare per riavere ciò che non è nostro, ma è del mondo». L'acustica, la bellezza della struttura, il valore della sua storia. «La Regione Siciliana dovrebbe capire che sarebbe un grande vantaggio investire in un teatro come questo. Ognuno di noi lavora per quattro, visto che siamo fortemente sotto organico. Il nostro impegno è stato premiato così: con zero euro in bilancio».

Sul piatto, qualche tempo fa, era stata messa l'ipotesi di trasformare l'ente lirico siciliano in una fondazione. Cosa che avrebbe permesso molto più semplicemente il contributo dei privati alle attività del Bellini. Una possibilità alla quale i sindacati preferirebbero una più netta apertura agli sponsor. «Il teatro rischia la chiusura per l'inerzia della Regione», attacca Angelo Villari, ex assessore di Catania ai Servizi sociali e uomo del Partito democratico catanese, da sempre in orbita Cgil. «Noi come Pd stiamo richiamando i deputati siciliani a essere più attivi, purtroppo non sempre lo sono. E lo dico con spirito critico. Ma ci risulta che tutti si stiano impegnando a sostenere questa battaglia». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews