Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

UniCt, il direttore generale Bellantoni si dimette
Oggi la riunione del Consiglio di amministrazione

«Dimissioni volontarie» e «avviso pubblico per il conferimento dell'incarico». Tutto in una volta. La riunione del Cda dell'Università di Catania di questo pomeriggio è densa di argomenti importanti. «Nessun attrito con Priolo», garantisce il dimissionario

Gabriele Patti

«Avevo annunciato le mie dimissioni in occasione delle elezioni del nuovo rettore, le ho presentate e Francesco Priolo non le ha respinte». Candeloro Bellantoni, ancora per qualche ora direttore generale dell’università di Catania, ufficializza definitivamente la volontà di abbandonare il proprio ufficio anche perché «ricoprirò un nuovo incarico ottenuto mediante procedura di selezione». Della natura dell’incarico però Bellantoni preferisce non parlare. «Al momento - spiega il direttore – non mi sembra opportuno». 

Insediato l’1 luglio 2017 (sotto la guida del rettore Francesco Basile), Bellantoni lascia la gestione dei servizi Unict un anno prima della scadenza del suo mandato prevista il 30 giugno 2020. «Ho messo il mandato nelle mani del rettore lo scorso 20 settembre», aggiunge. «Ritengo che il mio incarico derivi da una nomina fiduciaria – commenta Bellantoni -, e ho preferito lasciare libera scelta al rettore Priolo». Al contempo, però, Candeloro Bellantoni assicura che «non c’è stato nessun attrito» con i vertici d’Ateneo. 

Per questo oggi, al rettorato, è stato convocato il Consiglio di amministrazione, organo che per legge è deputato a conferire il nuovo incarico. Tra i punti all’ordine del giorno spuntano le «dimissioni volontarie e la risoluzione anticipata del contratto del direttore generale Candeloro Bellantoni» e «l’avviso pubblico per il conferimento dell’incarico di direttore generale». In altri termini: un modo per raccogliere le candidature. Il rettore farà la sua valutazione e poi la palla passerà al Senato accademico e al Cda

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews