Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vendita Catania, si chiude la partita di Follieri
La società: «Niente documentazione minima»

La querelle relativa al passaggio di proprietà dei rossazzurri si arricchisce di un nuovo capitolo.Il foggiano abbandona il tavolo delle trattative a causa del «rifiuto della volontà di sottoscrizione di un accordo di riservatezza». La replica di Finaria è giunta subito

Giorgio Tosto

Il sogno di possedere una squadra di calcio in una grande piazza del Sud Italia, per Raffaello Follieri, è rimandato a data da destinarsi. Nel pomeriggio di ieri, infatti, una nota dello studio di commercialisti Alioto e Giuffrida ha ufficializzato la volontà della Follieri Capital Ltd di abbandonare la pista che avrebbe potuto portare all'acquisto del Catania. I motivi del cambio di strategia sono sottolineati con chiarezza nel comunicato reso pubblico qualche ora fa. Si parla, in particolare, di un «incomprensibile rifiuto, dai legali del Catania Calcio S.p.A., della volontà di sottoscrizione, attesa già da parecchi giorni, di un accordo di riservatezza, che peraltro era stato richiesto in origine dalla stessa proprietà».

Dalla nota si evince anche come la richiesta in essere, non soddisfatta da parte della società di via Magenta, faceva parte «di un percorso che prevedeva in ordine cronologico: accordo di riservatezza, presentazione da parte della Follieri Capital Ltd di evidenza fondi e inizio di una due diligence (l'approfondimento di dati e informazioni relative a una trattativa, ndr)». Il rifiuto di portare avanti questo iter, secondo quanto emerge dal comunicato dello studio Alioto-Giuffrida, impedirebbe quindi «la presentazione di tutta la documentazione richiesta, compresa l'evidenza fondi già pronta e certificata da parte dell'istituto finanziario della nostra Assistita, per l'importo complessivo di euro 25.000.000,00».

Quella che viene definita come una «immotivata chiusura unilaterale da parte del Catania Calcio» costringe dunque il Gruppo Follieri a «ritirare qualsiasi offerta, augurando - conclude il documento - alla Città e ai tifosi di trovare al più presto una proprietà seria che abbia la sua stessa solidità finanziaria e progettuale, solidità comunque già in uso per l'imminente conclusione di contratti che prevedono importanti investimenti sul territorio della città di Catania e più in generale della Sicilia». L'imprenditore di origine foggiana abbandona dunque le velleità di puntare sul calcio, ribadendo però come l'Isola rimanga terreno fertile per operazioni che riguardano altri settori

La replica della società rossazzurra è arrivata a stretto giro di posta ed evidenzia uno stato dell'arte assai diverso da quello prospettato dalla nota diffusa dallo studio Alioto-Giuffrida. Secondo il comunicato diffuso da via Magenta, infatti, «Finaria precisa di aver richiesto, tramite i propri legali, la documentazione minima per avviare una trattativa basata sulla serietà. Di contro, tale documentazione non è pervenuta ed alla pretesa riservatezza - conclude il Calcio Catania - si è dato seguito con comunicati a mezzo stampa». L'uscita di scena di Raffaello Follieri lascia ora interamente spazio alla cordata di acquirenti a cui capo figura l'attuale presidente della Fidal Fabio Pagliara. Non c'è contezza, al momento, in merito alle tempistiche della possibile trattativa. L'unica vera certezza riguarda il campo: domenica prossima, infatti, una squadra parzialmente rinnovata dal mercato incontrerà in trasferta la Virtus Francavilla.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews