Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Si presenta in polizia per chiedere informazioni
Manette per Gaetano Bivona, ricercato dal 2015

Gli agenti lo hanno riconosciuto e subito arrestato. Il 33enne è coinvolto nell'operazione Adernò condotta dalla procura di Catania contro i clan del triangolo della morte fra Adrano, Biancavilla e Paternò. Era irreperibile da quegli arresti

Redazione

Lo cercavano dal 2015, e di certo non pensavano di vederselo spuntare in casa loro. La polizia ha arrestato il pregiudicato di Biancavilla Gaetano Bivona, classe 1986, uno dei nomi dell'operazione Adernò che, nel 2015, aveva portato all'arresto di 26 persone legate ai clan di Adrano e paesi vicini.

Il ricercato si è presentato al commissariato adranita per chiedere informazioni, ma dopo un po' è stato riconosciuto dagli agenti e fermato. Su Bivona pendeva un'ordinanza di custodia cautelare per associazione a delinquere finalizzata ai delitti contro il patrimonio, rapina in concorso, sequestro di persona, porto abusivo di armi in luogo pubblico, furto con strappo, detenzione e spaccio di droga.

Fin dal 2012, su mandato della procura di Catania, era finite sotto la lente degli investigatori le attività sul territorio dei clan del famigerato triangolo della morte fra Adrano, Paternò e Biancavilla, ovvero le cosche Toscano-Mazzaglia-Tomasello e Santangelo-Taccuni. Bivona, al momento degli arresti, si era reso irreperibile. A suo carico l'accusa di aver partecipato ad alcuni assalti a tir, rapine effettuate armi in pugno. Il pregiudicato si trova adesso nel carcere di piazza Lanza a Catania. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews