Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un 14enne gestiva la sala giochi abusiva a Librino
Il padre controllava attività dagli arresti domiciliari

L'esercizio commerciale era stato installato in via del Maggiolino, all'interno di una bottega di proprietà del Comune di Catania. Il gestore sarebbe stato un uomo che, residente ai piani superiori, controllava l'esercizio commerciale dallo smartphone

Redazione

Di nuovo minori a lavoro. Il filone inaugurato alcuni giorni fa dal commissariato di Librino, su disposizione della questura di Catania, continua a mietere denunce. Stavolta a carico di un pregiudicato residente in via del Maggiolino, nel quartiere satellite, dove l'uomo sta scontando gli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio. Adesso alle precedenti accuse bisogna aggiungere anche quelle di sfruttamento del lavoro minorile e dello stato di bisogno dei lavoratori, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, occupazione abusiva di edifici pubblici, gioco d'azzardo, esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse e illeciti in materia di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro.

Per l'accusa, l'uomo avrebbe allestito all'interno di un immobile del Comune di Catania un'attività abusiva di sala giochi, con annesso bar per la vendita di bevande alcoliche. Lui, però, agli arresti domiciliari nello stesso palazzone, controllava la bottega al pianterreno grazie al sistema di videosorveglianza collegato con il suo cellulare. A gestire l'attività in loco sarebbe stato suo figlio, un ragazzo di 14 anni. Nella sala giochi improvvisata, gli agenti hanno identificato anche minori dai 12 ai 16 anni, intenti a giocare a biliardo. «Circostanza aggravante», aggiunge la questura in una nota diffusa alla stampa, è che i ragazzi giocassero con un premio finale in denaro, detenuto dal 14enne figlio del pregiudicato.

Durante il controllo, inoltre, sono state acquisite le generalità di un dipendente pagato dieci euro al giorno (meno di due euro l'ora), che avrebbe dichiarato di avere accettato poiché in stato di necessità. La luce del negozio era allacciata all'abitazione dell'uomo il cui nucleo familiare percepisce il reddito di cittadinanza per circa 800 euro al mese. L'immobile è stato sequestrato, così come lo smartphone dell'uomo, i soldi, tre mazzi di carte, il registro di contabilità e la chiave.

Si tratta dell'ennesima operazione di questo tipo condotta dalle forze dell'ordine nei quartieri alla periferia di Catania. A fare scalpore, nei giorni scorsi, erano stati i bambini nel chiosco-bar di viale Bummacaro, che a nove e dieci anni avrebbero gestito l'attività commerciale. La famiglia, rintracciata da questa testata, aveva smentito ogni coinvolgimento dei ragazzini e aveva rilanciato parlando della totale mancanza di possibilità ricreative nel rione popolare. Discorso simile per l'officina meccanica di Zia Lisa, di cui è stata data notizia ieri. La zia dei due minori (undici e 17 anniha rimandato al mittente ogni accusa di impiego dei ragazzi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews