Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

C'è un altro fermo per l'omicidio dei ladri di arance 
È un custode 70enne. «Una scena troppo cruenta»

Non avrebbe agito da solo Giuseppe Sallemi, il 42enne indagato per duplice omicidio e tentato omicidio. Nelle indagini condotte dalla polizia di Siracusa, importanti sarebbero state anche le testimonianze rese dall'unico sopravvissuto. Guarda la foto

Marta Silvestre

Foto di: Ansa

Foto di: Ansa

Un uomo di 70 anni, Luciano Giammellarocustode di fondi agricoli, è stato fermato perché ritenuto coinvolto nel duplice omicidio di contrada Xirumi, nella piana di Catania. «Una scena troppo cruenta per essere stata opera di una sola persona», era stato sin da subito il sospetto degli inquirenti. E infatti non avrebbe agito da solo Giuseppe Sallemi, il 42enne già indagato per il Massimo Casella e del 19enne Agatino Saraniti e per il tentato omicidio del 36enne Gregorio Signorelli.

Sarebbero state proprio le testimonianze rilasciate dall'unico sopravvissuto, che si trova ancora ricoverato all'ospedale Garibaldi Centro di Catania, a portare al complice, nei confronti del quale la procura di Siracusa ha emesso il fermo. La versione fornita dall'indagato non aveva convinto del tutto gli inquirenti che hanno portato avanti le indagini per ricostruire soprattutto le fasi precedenti e successive agli spari.

«Mi avevano minacciato di morte, mi avevano detto "tu stasera muori qui", ho preso il fucile e ho sparato». Così Sallemi, dal carcere di piazza Lanza, aveva ricostruito una parte dell'acceso contrasto prima degli spari. Quel che è certo è che nessuna delle tre vittime era armata e che il 42enne aveva il porto d'armi ma poteva usare il suo fucile solo per andare a caccia. 

Sallemi tra gli agrumeti della Piana faceva il guardiano di diversi appezzamenti, anche se era stato assunto da un'azienda agricola con un generico contratto di addetto ai fondi. Giammellaro, invece, ufficialmente risultava pensionato. «La nostra linea - ha spiegato l'avvocato Rocco Cunsolo che insieme al legale Francesco Calderone difende Sallemi - è quella della legittima difesa».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews