Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ancora da rifare il 75 per cento di segnaletica orizzontale
Sostare: «Per completare tutto ci vorrà almeno un anno»

La morte di una anziana donna dopo essere investita mentre attraversava sulle strisce pedonali sbiadite, fa tornare il tema della sicurezza stradale. «Ho a disposizione solo quattro squadre con, in tutto, 17 operai», dice a MeridioNews il presidente Luca Blasi

Marta Silvestre

«A Catania resta ancora da rifare il 75 per cento della segnaletica orizzontale». Tra queste, come ammette il presidente di Sostare Luca Blasi, rientra anche la zona di piazza Cavour dove, nella tarda mattinata di ieri, tra via Filocomo e via Orto Limoni, è morta una anziana donna investita da un'automobile mentre stava attraversando la strada sulle strisce pedonali quasi completamente sbiadite. «I lavori di ripristino sono cominciati a settembre ma, non per giustificarmi - dice il presidente della partecipata del Comune di Catania a MeridioNews - in tre mesi non possiamo fare miracoli anche perché a disposizione ci sono solo quattro squadre composte in tutto da 17 persone». Sono gli operai passati a Sostare da Multiservizi, l'altra partecipata comunale che, in passato, ha avuto in gestione la segnaletica stradale orizzontale.

In città, il servizio è rimasto bloccato per oltre un anno a danno della sicurezza stradale. Il servizio è ripreso a metà settembre e «stiamo cercando di fare tutto nel più breve tempo possibile ma anche in tempi umanamente possibili», dice Blasi spiegando anche che «abbiamo cominciato, come stabilito dal servizio traffico urbano del Comune, dando priorità alle scuole (dove gli attraversamenti pedonali erano oramai praticamente inesistenti, ndr) - e da alcuni quartieri in periferia». Gli arretrati sono enormi e, prima di vedere le vie della città verniciate con tutta la segnaletica stradale, «ci vorrà almeno un anno», annuncia il presidente di Sostare

Adesso, finita la zona del Tondo Gioeni, si passerà alla circonvallazione. «Ogni volta che passo davanti a strisce pedonali sbiadite - afferma Blasi - penso di avere a che fare con la storia della coperta troppo corta: un lavoro immane da fare e troppi pochi operai per procedere più velocemente di così». Al momento, stando a quanto riferisce il presidente, tre squadre lavorano di notte e una di giorno tutti i giorni lavorativi «esclusi quelli in cui piove». Che, a Catania, si possono contare sulla punta delle dita di una mano. E, intanto, almeno per il prossimo anno resta il nodo sicurezza stradale. «Sono io il primo a essere preoccupato, innanzitutto da pedone e - conclude Blasi - poi perché adesso ho anche una responsabilità morale su questo servizio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×