Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Stupro Acireale, chiesta condanna dei due imputati
Violenza sessuale nel parcheggio di una discoteca

Il processo, per quello che sarebbe accaduto nell'estate 2018, si sta svolgendo con rito abbreviato. Alla sbarra ci sono i trentenni Salvo Ardizzone e Salvatore Filetti. Tra due settimane toccherà agli avvocati difensori e alle parti civili intervenire

Dario De Luca

Foto di: Chad Kirchoff

Foto di: Chad Kirchoff

Cinque e quattro anni. Sono le richieste di condanna formulate ieri dalla magistrata Michela Maresca nei confronti dei due ragazzi di Acireale accusati di stupro. I fatti risalgono all'estate del 2018, quando all'interno del parcheggio della discoteca Qubba, a Misterbianco, i due trentenni Salvo Ardizzone e Salvatore Filetti avrebbero abusato di una giovane. I loro legali hanno sempre difeso che il rapporto sessuale sarebbe stato consensuale. Una versione smentita, nella primavera del 2019, dalla vittima durante un lungo interrogatorio, cristallizzato nell'incidente probatorio.

In un primo tempo l'indagine aveva riguardato anche un terzo giovane, per il quale si ipotizzava un ruolo secondario e soprattutto non partecipe alla violenza. Alla fine però per lui la procura non ha chiesto il processo. I due imputati - per i quali la Cassazione si era espressa rigettando il ricorso sulla misura cautelare della procura e sostenendo che non c'erano i gravi indizi di colpevolezza a giustificare la detenzione - hanno scelto il rito abbreviato. La formula consente di avere, in caso di condanna, una riduzione di un terzo della pena prevista. La prossima udienza è stata fissata per il 4 marzo. Quel giorno a parlare saranno i difensori e le parti civili.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×