Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Incendi, circa 150 persone fatte evacuare via mare
Chi è senza casa dormirà nel palazzetto dello Sport

Con le case lambite dalle fiamme, hanno deciso di andare in spiaggia. Lì sono stati soccorsi dalla Capitaneria di porto. Tutte le operazioni sono coordinate dalla prefettura. Guarda il video

Redazione

Centocinquanta persone bloccate dagli incendi che stanno interessando i villaggi Primosole e Azzurro, due zone marinare di Catania, sono state salvate da mezzi navali e dal personale della Capitaneria di porto. Per fuggire alle fiamme i cittadini sono andati sulla spiaggia, dove sono stati soccorsi dalla guardia costiera prima con dei gommoni e poi trasbordate su motovedette. Sul posto anche un rimorchiatore e un mezzo navale della guardia di finanza. Alcune persone, le cui abitazioni sono state danneggiate dal rogo, saranno ospitate nel Palazzetto dello Sport di piazza Spedini, messo a disposizione dal Comune. Tutte le operazioni sono coordinate dalla prefettura. 

È lo scenario che viene fuori dopo la giornata infernale che ha visto Catania e l'hinterland in preda ai roghi, scoppiati stamattina e poi proseguiti durante il primo pomeriggio. I danni sono stati diversi e c'è la netta sensazione che il bilancio degli sfollati possa aumentare. Al momento, non risultano persone ferite, ma i vigili del fuoco stanno facendo le verifiche attraverso il Centro di coordinamento dei soccorsi attivato in prefettura. A bruciare sono stati diversi punti del capoluogo etneo. Una delle zone più colpite è stata quella tra corso Indipedenza e via Palermo, in via Fossa della Creta. L'asse dei servizi è stato chiuso, mentre le lingue di fuoco raggiungevano parte del quartiere San Giorgio. Le fiamme hanno minacciato il cimitero e si sono estese fino alla Playa, distruggendo in parte anche il lido Le Capannine e colpendo i villaggi in direzione sud: Villaggio Azzurro, Ippocampo di mare, Paradiso degli aranci e la zona di Vaccarizzo. 

Oltre che nel capoluogo etneo, incendi importanti sono divampati anche ad Acireale, Misterbianco, Mascalucia, Gravina di Catania, Paternò, Belpasso, Caltagirone e Vizzini. Una giornata infernale durante la quale i vigili del fuoco del comando provinciale hanno raggiunto le trecento richieste d'intervento a partire dalle 8 di questa mattina. Sono stati circa cento gli interventi effettuati. Quindici sono ancora in corso, mentre gli altri in sono in attesa di essere espletati. In questo momento le abitazioni minacciate maggiormente continuano a essere quelle dei villaggi sul litorale della zona sud e in via San Francesco la Rena. In quelle zone sono in corso diverse evacuazioni con l'assistenza della polizia. Mezzi della sezione navale dei vigili del fuoco e del nucleo sommozzatori di Catania stanno supportando la Guardia costiera. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×