Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

S. Marta, Regione in difficoltà con i materiali demoliti
Da mesi si cerca sito dove conferire rifiuti del cantiere

A inizio mese una gara a inviti indetta dal Genio civile è andata deserta. In precedenza una ditta di Scordia si era fatta avanti ma era stata esclusa perché il suo impianto è stato ritenuto troppo distante. Adesso si procederà con l'affidamento diretto

Simone Olivelli

Pochi giorni dopo la ripresa dei lavori all'ex ospedale Santa Marta-Villermosa, la Regione continua a essere alle prese con un problema a cui negli ultimi mesi non ha saputo trovare soluzione: trovare un posto dove smaltire i rifiuti provenienti dal cantiere. Fatto di non poco conto quando si parla della demolizione di un fabbricato, e quindi di diverse decine di tonnellate di sfabbricidi. I tentativi fatti dal Genio civile di Catania, per trovare siti idonei dove conferire i materiali di risulta, sono stati più di uno ma finora nessuno è andato in porto. 

L'ultimo risale a inizio mese, quando l'ente che fa capo al dipartimento regionale tecnico ha dichiarato deserta una gara negoziata, dopo che le quattro le imprese invitate hanno deciso di non presentare alcuna offerta. L'importo del servizio era di 68mila euro, una cifra che, seguendo il carteggio in uscita dagli uffici di via Lago di Nicito, sembrerrebbe essere stato ridotto di diecimila euro. In precedenza, infatti, in alcuni documenti firmati dall'allora ingegnere capo Natale Zuccarello - dimessosi dal ruolo dopo l'indagine della guardia di finanza che lo ha coinvolto in merito a una serie di presunte turbative - la cifra destinata allo smaltimento dei rifiuti era stata quantificata in 78mila euro. Su questa base d'asta, Zuccarello, in primavera, aveva indetto una manifestazione d'interesse per sondare il mercato, così poi da invitare - tramite sorteggio nel caso di un numero di pretendenti maggiore di cinque - gli operatori economici. 

A rispondere era stata soltanto un'impresa di Scordia con uno stabilimento nel territorio di Lentini. La candidatura, tuttavia, non è stata presa in considerazione. «La partecipazione di unico operatore non consente di valutare comparativamente la spesa complessiva quale sommatoria del costo di conferimento e del trasporto del materiale proveniente dalla demolizione sino all’impianto», si legge in una determina di maggio, in cui si sottolinea che «l'incidenza dei costi di trasporto derivante dalla distanza eccessiva dell’impianto comporta per la stazione appaltante, in relazione all’assegnata copertura finanziaria, una condizione insostenibile dal punto di vista economico e finanziario mettendo a rischio finanche la realizzazione dell’opera».

Da quella decisione si è arrivati all'indizione della gara a inviti e la scelto delle quattro imprese a cui chiedere un preventivo. Come detto, però, nessuno ha risposto. Gli uffici etnei adesso tenteranno la strada dell'affidamento diretto a una singola impresa, scelta tra quelle che hanno l'impianto di smaltimento «entro i venti chilometri per come previsto negli elaborati del progetto di demolizione». La distanza, che nel dettaglio non era stata inserita nei precedenti avvisi, va calcolata dal luogo in cui sta operando la ditta Agoraa. Ovvero la parte alta di via Sangiuliano, a pochi passi da piazza Dante e lì dove - stando al progetto presentato dal governo Musumeci - dovrebbe sorgere una grande piazza con un colonnato

Sempre in primavera, un'altra gara per il conferimento di rifiuti in plastica, legno, vetro, materiali isolanti e bituminosi era stata indetta dal Genio civile. La procedura, del valore di circa 53mila euro, risulta sul portale della Regione ancora «in aggiudicazione».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×