Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rotatoria di Bicocca, altra gara per completare i lavori
Anas alla ricerca della ditta che dovrà riaprire il cantiere

Dopo la rescissione del contratto con Mit Costruttori, il cantiere verrà avviato da un'altra impresa. In un primo tempo si pensava di pescare dalla rosa di quelle che hanno già in corso un accordo quadro, poi il cambio di rotta. Ecco il motivo

Simone Olivelli

Due anni e pochi giorni dopo l'avvio del cantiere, i lavori per la rotatoria Bicocca e l'intersezione tra Asse dei servizi e tangenziale di Catania saranno nuovamente al centro di una gara d'appalto. Un'ipotesi che, a gennaio 2020, quando vennero messi in azione i mezzi per la prima volta, a cui nessuno avrebbe pensato, ma che con il passare del tempo si è presentata all'orizzonte di pari passo con l'incapacità della Mit Costruttori - la ditta di Adrano che aveva vinto l'appalto indetto da Anas - di completare l'opera. Questa mattina sono stati pubblicati i documenti della nuova gara per il completamento dei lavori: base d'asta di 1,4 milioni e termini per formulare l'offerta che scadranno a mezzogiorno dell'11 gennaio. Una dozzina di giorni che serviranno alle imprese per prendere visione degli atti di gara e proporre il ribasso sulla base d'asta. A incidere nell'aggiudicazione, infatti, sarà soltanto l'aspetto economico. 

Chi vincerà i lavori avrà poi meno di tre mesi per portarli a compimento. Sono 80 i giorni di cantiere previsti, con la possibilità per la stazione appaltante di chiedere di lavorare anche in orario notturno. La speranza è che stavolta non ci siano intoppi. A incidere nel caso della Mit Costruttori sarebbero state le difficoltà finanziarie vissute dalla società. Ritardi che hanno dato il la a polemiche tra l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e la società che da una settimana è presieduta dal generale Edoardo Valente. Di certo non un fatto nuovo in questi anni, con il governo Musumeci che ha più volte criticato l'operato di Anas in giro per la Sicilia.

Proprio Falcone, in primavera, aveva dato un ultimatum fissando a fine maggio il termine per completare i lavori. La data fu abbondantemente sforata e i lavori di fatto mai ripresi con continuità, fino a portare Anas alla decisione di rescindere il contratto con Mit Costruttori. La stazione appaltante aveva fatto sapere di essere intenzionata ad affidare il cantiere a una delle imprese già coinvolte in uno degli accordi quadro promossi. Così però non è stato e la scelta si è spostata su una gara aperta con il criterio del minor prezzo. La decisione, stando a quanto appreso da MeridioNews, sarebbe scaturita dal fatto che le ditte interpellate non abbiano assicurato di riuscire a completare i lavori in un tempo inferiore a quelli previsti dalla gara.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×