Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

San Nullo, macchina Enjoy trovata smontata e distrutta
La denuncia di una donna che voleva usare il servizio

Le immagini scattate dall'utente che si è ritrovata di fronte un veicolo di car sharing devastato e reso inutilizzabile parlano chiaro. In città, una delle cinque in Italia in cui l'utilizzo in condivisione è attivo, sono già stati molti gli atti di vandalismo che hanno preso di mira le Fiat 500 rosse. Guarda le foto

Marta Silvestre

Foto di: Grazia De Fiore

Foto di: Grazia De Fiore

Sportelli aperti, finestrini spaccati e vetri per terra, sterzo, fari, sedili e quadro completamente smontati, la radio portata via con alcuni cavi ancora penzolanti. Sono queste le condizioni in cui una cittadina catanese ha trovato nella mattinata di ieri una delle 72 macchine rosse della flotta di Enjoy messe a disposizione dal servizio di car sharing per la città di Catania, in zona San Nullo. «L'inciviltà a Catania non mai limiti purtroppo», commentano in molti sotto post Facebook a cui la ragazza ha deciso di affidare la denuncia di quanto accaduto

«È un servizio comodo per chi ha difficoltà con la propria auto - scrive la donna sul suo profilo - Un ottimo servizio, ma stamattina (ieri per chi legge, ndr) cerco l'auto più vicina a casa e la trovo in queste condizioni. Assurdo». Ed è davvero assurdo che la Fiat 500 sia stata ridotta in questo modo. Catania è una delle cinque città in Italia in cui esiste questo servizio. «E noi lo sprechiamo così. Che vergogna», commenta una ragazza sotto alle fotografie di quel che rimane dell'autovettura.

Non è la prima volta che nel capoluogo etneo le automobili messe a disposizione dal servizio di Enjoy vengono vandalizzate. Nello scorso mese di marzo una gazzella del nucleo radiomobile dei carabinieri aveva sorpreso, all'interno dell'area di parcheggio adiacente all'ospedale Garibaldi di Nesima, un giovane catanese che aveva danneggiato un veicolo del servizio di autonoleggio forzando le portiere per portare via i vari componenti dell'abitacolo. Dopo il fermo, la refurtiva era stata restituita a un responsabile della società. Il mese dopo, un ragazzo giovanissimo era stato fermato dopo un lungo inseguimento per le vie del centro cittadino mentre cercava di scappare a bordo di una Fiat 500 che stava tentando di rubare. Nell'estate un pregiudicato 27enne catanese aveva tentato di rubare un veicolo nei pressi del cimitero.

Partito all'inizio dell'estate del 2016, il servizio di noleggio delle automobili in condivisione nel capoluogo etneo non aveva visto rispettato il regolamento vigente. In particolare, le automobili erano state immortalate in sosta sulla segnaletica orizzontale che separa le corsie in largo Rosolino Pilo. Oppure la macchina e il motorino parcheggiati sul marciapiede di via Ughetti, una traversa di via Lago di Nicito. O ancora il terzetto di macchine bloccate dentro al dipartimento di Agricoltura, alimentazione e ambiente per l'intero fine settimana. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×