Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La proposta M5s di acquistare i terreni a Etna Sud
«Nel bilancio della Regione i soldi ci sarebbero»

Un convegno sul futuro del Parco si è trasformato nell'occasione per rimettere sul piatto il tema dell'accesso alle zone sommitali del vulcano dal versante di Nicolosi. La deputata Gianina Ciancio ne ha parlato direttamente col sindaco Angelo Pulvirenti

Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Foto di: Francesco Vasta

Si sarebbe dovuto parlare di strategie per il futuro del Parco dell'Etna, invece l'argomento principale è subito deviato sull'accesso alle zone sommitali del versante Sud del vulcano. Il convegno di questa mattina, organizzato dalla deputata regionale del Movimento 5 stelle Gianina Ciancio, è servito non solo a raccontare problemi e a delineare possibili soluzioni, ma anche - e soprattutto - a rimettere sul piatto il vecchio progetto dell'ex sindaco di Nicolosi Nino Borzì: che il pubblico acquisti i terreni privati sui quali sorge la funivia di Etna sud, facendo sì che il business delle escursioni su quel versante diventi, nei fatti, un affare comunale. «Se la questione è economica - dice Gianina Ciancio all'attuale primo cittadino Angelo Pulvirenti, presente in sala, a Nicolosi - siamo disponibili a provare a risolverlo. Le risorse economiche per la Regione Siciliana possono non essere un problema di fronte alla prospettiva di liberare l'Etna dal regime dei privati».

Il tema ha bisogno di essere rinfrescato: nel 2006 il Comune di Nicolosi stipula una convenzione con l'azienda di Francesco Russo Morosoli per la costruzione e gestione della funivia dell'Etna. In parallelo vengono costruiti gli impianti invernali. Strutture pubbliche collocate, però, su terreni privati per i quali non erano mai stati completati gli espropri. Per buona parte di proprietà proprio dell'imprenditore protagonista dell'inchiesta Aetna della procura di Catania sul business del vulcano. Il versante Sud, quello del Rifugio Sapienza, è certamente un affare che fa gola a molti. Così l'amministrazione guidata da Borzì decide di avviare le pratiche per il riscatto della funivia, in modo da potere riavere in mano l'impianto - e rimetterlo a bando - prima della fine naturale dell'accordo: il 2022. In parallelo rimette in moto la macchina degli espropri anche riguardo i terreni su cui sorge la funivia. Del resto, in uno dei tanti contenziosi tra il Comune di Nicolosi e Funivia dell'Etna spa, sono i giudici amministrativi a definire «servizio pubblico» quello che consente di arrivare alla sommità del vulcano.

Con la fine del mandato dell'ex primo cittadino, si raffredda anche lo scontro tra l'amministrazione e la famiglia Russo Morosoli. Dopo l'elezione di Angelo Pulvirenti, nell'estate del 2017, il cielo sembra tornare sereno. O, quantomeno, poco nuvoloso. Un fatto che finisce anche nelle carte dell'inchiesta sul business Etna, tanto che il primo cittadino nicolosita viene indagato dai magistrati di piazza Verga per atti contrari ai doveri d'ufficio. Per colpa di una vicinanza un po' troppo marcata con l'imprenditore. Dall'inizio del suo mandato a oggi, poi, sembra essere sparita dai radar la proposta di acquisizione definitiva dei terreni oggetto dello scontro: secondo una stima, servirebbero circa 500mila euro perché il Comune acquisti un pezzo di montagna. 

È a questo che si riferisce la deputata pentastellata Ciancio. Nel bilancio della Regione Siciliana trovare i soldi necessari per aiutare il Comune non è un'impresa impossibile. Soprattutto se in cambio si ottiene una gestione liberalizzata, normata da un bando pubblico, per un business milionario. L'invito è stato lanciato e, adesso, il tema rientra a piè sospinto nel dibattito politico. Anche perché, tra tutti i problemi posti da un territorio vulcanico come quello etneo (carenza di personale al Parco dell'Etna, assenza di guardaparco e proposte di restringimento dei confini dell'area protetta), quello sullo sfruttamento delle risorse turistiche è l'unico a prevedere un ritorno economico diretto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.