Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Cibali, la metro che non apre perché c'è l'acqua
Viaggio nel cantiere della stazione ancora chiusa

Un blitz dell'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone consente l'accesso al cantiere dell'unica fermata della tratta Borgo-Nesima non ancora operativa. Tutta colpa delle infiltrazioni dalle falde di cui l'intero quartiere è ricchissimo. Guarda le foto

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Ci voleva un sopralluogo per comprendere a che punto è la stazione della metropolitana di Cibali. Unica delle fermate della tratta Borgo-Nesima a non essere ancora aperta, nonostante dall'inaugurazione delle altre siano passati anni. Il problema è tanto semplice quanto datato: l'acqua.

Quella dei numerosi torrenti e sorgenti che scorrono al di sotto del quartiere e che si insinuano nel cemento con cui è stata costruita la stazione della metro. «Abbiamo un problema di infiltrazioni che stiamo provando a risolvere», dice, schietto, il direttore della Ferrovia circumetnea Salvatore Fiore, parlando con l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. «Qui una volta c'era una cascata», spiega Fiore, mostrando un angolo di muro là dove terminano le future scale mobili.

È il blitz di Falcone a permettere ai cronisti di accedere a gallerie e tunnel. E sin dal momento in cui si arriva sei metri sotto al livello della strada, prima di scendere ancora fino all'altezza dei binari, il rumore che la fa da padrone è quello delle gocce d'acqua che arrivano a terra. Un problema che era stato sollevato da MeridioNews ad aprile 2017, con la pubblicazione in esclusiva di un video che mostrava un piccolo fiume scorrere all'interno della stazione. Da quel momento in poi, era stato un susseguirsi di scadenze per l'inaugurazione: prima varie date nel 2018, poi altrettante nel 2019. Adesso un non meglio precisato mese del 2020. «Per Sant'Agata?», domanda Falcone. «Meglio non dare scadenza, perché se poi si ritarda di 15 giorni...», risponde Fiore.

I ritardi. Vera croce di quella tratta della metro, la cui gestazione trentennale ancora non vuole concludersi. I problemi delle imprese, di cui lungamente si è parlato, in effetti ci sono stati. Prima Sigenco, l'ex colosso fallito; poi Tecnis, impresa che pareva indistruttibile e che invece è crollata come un gigante con le gambe di sabbia. Adesso che Tecnis è stata venduta alla D'Agostino costruzioni (dopo l'aggiudicazione fallita al gruppo Pessina) sembra che le cose si stiano aggiustando. «Gli stop ai lavori determinati dalle vicissitudini delle società hanno fatto un grave danno a questo cantiere - ammette Fiore - Consideri una cosa: tra fallimenti e commissariamenti, le imprese sono state sempre nelle mani di tribunale e ministeri. Che potere ha una stazione appaltante di fronte a questo? Noi non abbiamo speso un euro più di quanto fosse preventivato, perché non era colpa nostra quello che stava accadendo».

I materiali per completare la stazione Cibali sono già pronti, accatastati un po' all'esterno e un po' all'interno del cantiere. Dalle scale mobili alle mattonelle per i rivestimenti interni. «Le infiltrazioni sono imprevedibili», spiega a questa testata Gianguido Babini, direttore di produzione della neoproprietaria D'Agostostino costruzioni. Lui, in realtà, la stazione Cibali e la città le conosce bene. Catanese, già ingegnere al servizio della società che fu di Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice. «Sono tornato a occuparmi di quanto ha a che vedere con le ferrovie - continua - Qui stiamo facendo finalmente un lavoro completo».

Per tappare i buchi scavati dall'acqua si stanno usando delle resine. Che finora hanno dato i risultati sperati. «I punti in cui le abbiamo usate non hanno riproposto infiltrazioni d'acqua». Ma sempre acqua è, dunque costruisce la sua strada altrove. «Interveniamo a ogni nuova infiltrazione, poi attendiamo la risposta dell'acqua e interveniamo ancora». In queste condizioni, due o tre mesi saranno certamente necessari per concludere l'impermeabilizzazione della stazione di Cibali. «L'acqua era ovviamente prevista dal progetto, ma questo genere di lavori devono essere eseguiti con continuità - aggiunge Fiore - Se si lascia un intervento incompleto, si vanifica anche quello che è stato fatto prima e l'unico risultato che si ottiene è che si deve ricominciare da capo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews