Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Misterbianco, il sindaco protesta contro lo scioglimento
Multato dai vigili. «Davanti al Comune per la comunità»

Un verbale da 170 euro per occupazione di suolo pubblico e sosta del camper negli stalli riservati alle moto. Nonostante questo, Nino Di Guardo non intende fare passi indietro. «A qualcuno ha fatto comodo eliminare un rompicoglioni», dice a MeridioNews

Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

«Per anni ho rappresentato i cittadini e adesso sono qui per loro». Nino Di Guardo, fino a tre giorni fa sindaco di Misterbianco, è sicuro: «lo scioglimento per infiltrazioni mafiose è una umiliazione alla democrazia». Prima di rispondere alle domande sull'iniziativa di cominciare uno sciopero della fame, con tanto di lettera indirizzata al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, c'è anche tempo per un fuori programma. Perché davanti al municipio, in via Sant'Antonio Abate, arriva una macchina dei carabinieri

Accanto ai militari in strada ci sono anche quattro vigili urbani. «Sindaco - dicono in coro a Di Guardo - da qui deve spostarsi». «Non ho nessuna intenzione di muovermi», replica lui. Dietro la sua postazione, cioè un tavolino rosso in plastica, c'è parcheggiato il camper di famiglia con affissi alcuni cartelli di protesta. Il mezzo però si trova sopra gli stalli per i motorini, motivo per cui Di Guardo si è visto notificare una multa da 170 euro che tiene in bella mostra. «Il mio tavolo di 80 centimetri quadrati ostruisce tutto - dice con ironia - Poi per le strade ci sono i camion che vendono meloni, patate e cipudde. A loro non dice niente nessuno».

Lei però resiste?
«Ho 76 anni, lo farò fino a quando avrò le forze. Quattro o cinque giorni, vediamo cosa succede. Poi è certo che non posso morire qua davanti».

Da cosa deriva la sua sicurezza?
«Io ho le mani pulite. Possono spogliarmi nudo e non troveranno mai nulla».

Però nelle intercettazioni dei parenti del suo ex vicesindaco, ritenuti reggenti mafiosi di zona, si parlava di appalti e posti di lavoro.
«Carmelo Santapaola è finito nei guai, agli arresti domiciliari, per intestazione fittizia di beni. Cose sue private, che non riguardano la vita del Comune». 

Quindi millantavano quando dicevano che si dovevano spartire il Comune?
«Certo, dicevano cose incredibili. Noi qua abbiamo assunto solo quattro persone e tutte con la mobilità. Erano in lista negli altri Comuni e li abbiamo portati qua». 

E gli appalti?
«Ma quale appalti e appalti. Gli appalti li fanno gli uffici specializzati».

Ha visto i nuovi commissari?
«Sono venuti due giorni fa. Oggi non ho visto nessuno. Ora bisogna fare morire il Comune, perché questi funzionari firmano una carta ogni tanto e il municipio crolla».

Con lei invece? 
«Avevamo un Comune sano e all'avanguardia con due milioni di avanzo di bilancio».

Ma allora perché è stata presa questa decisione?
«Me lo chiedo anche io. C'è una relazione che io non visto. Tutto ruota attorno a queste intercettazioni e sul fatto del mio ex vicesindaco finito ai domiciliari. Il prefetto Claudio Sammartino ha preso un abbaglio. Chi sbaglia paga e, per questo motivo, ho chiesto le sue dimissioni».

Ma quindi cosa c'è dietro? 
«Ho dato fastidio a chi è in alto, ma io resisto. Io sono un rompicoglioni e ho lottato contro la discarica, togliere un nemico può essere piacevole per qualcuno».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews