Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Unict si compatta in assemblea con il rettore Priolo
Dall'inchiesta al futuro. Ma gli studenti sono assenti

Il nuovo Magnifico conquista la scena dell'autoditorium dei Benedettini. Tra i vanti i fondi e i progetti su didattica e ricerca. C'è poi l'idea di promuovere la brand identity. «Gli iscritti devono indossare la nostra felpa e non quella di Stanford», dice

Gabriele Patti

«Quello che è stato è stato, adesso dobbiamo prepararci a due esami importanti». Francesco Priolo, rettore dell’università di Catania, conquista la scena dell’auditorium del monastero dei Benedettini con l’intenzione di mettere una pietra sopra al passatoproiettarsi verso il futuro. Troppo ingombrante l'inchiesta Università bandita, che poco meno di tre mesi fa ha travolto l’ateneo. Questa mattina docenti, delegati del rettore e personale tecnico-amministrativo hanno riempito l’auditorium del dipartimento di Scienze umanistiche, in occasione dell’assemblea d’ateneo. Davvero pochi gli studenti presenti e quella che doveva essere un’assemblea pubblica si è trasformata in una vera e propria presentazione dei progetti targati Unict. 

Una convention che ricorda le migliori performance di Steve Jobs. Microfoni e cuffie wireless per tutti gli intervenuti e l’ausilio di slide con cui sono stati presentati i dati su didattica, ricerca, internazionalizzazione e trasparenza. Nessun riferimento all'inchiesta giudiziaria. Il primo a conquistare la scena è stato il rettore Priolo. Tra i vanti c’è lo stanziamento di sette milioni di euro per la ricerca, 500mila euro per premi di merito, e l’attivazione delle ‘cabine di regia’ per progetti su didattica, ricerca, internazionalizzazione, terza missione e comunicazione. Ma, per ammissione dello stesso rettore, «c’è ancora tanto da fare. Ma bisogna partire dalla consapevolezza dei problemi e dall’impegno e dalla partecipazione degli studenti per addivenire a soluzioni condivise».

Priorità massima alla comunicazione. Nelle intenzioni dei vertici Unict c’è il miglioramento del sito web, «che sarà costantemente aggiornato per mettere in evidenza le missioni dell’ateneo», ribadisce il rettore, e la creazione di una brand identity. «Un progetto ambizioso – spiega - sarebbe riuscire a rendere orgogliosi gli studenti di appartenere all’università di Catania». Studenti che, continua il rettore, «non devono essere solo semplici fruitori, ma parte attiva e partecipe del cambiamento. Così – sottolinea Priolo - invece di indossare la felpa di Stanford, gli studenti preferiranno quella di Unict».

A questo seguono altri roboanti annunci. Si parla della campagna Unict si differenzia, che verrà lanciata nel 2020 per promuovere la separazione dei rifiuti; e ancora la stipula delle convenzioni a medio termine con alcune imprese «perché – sottolinea il Magnifico – è fondamentale collaborare col territorio e reperire risorse funzionali all’espletamento delle nostre attività». Infine la costituzione di una commissione specifica sulle emergenze climatiche. Ma a farla da padrone è la nomina del nuovo direttore generale. Candeloro Bellantoni, dopo la lettera divulgata alle testate giornalistiche, si è ufficialmente dimesso. Al suo posto, almeno per il momento, c’è Giuseppe Caruso, dirigente area della didattica che, fino alla nomina del nuovo vertice e senza ulteriori oneri aggiuntivi, ricoprirà l’incarico in veste di facente funzioni.

Ma la nomina del nuovo direttore generale non è l’unico argomento caldo. Sul piatto c’è la stabilizzazione di molti lavatori precari. Ed ecco un altro annuncio. «Domani sarà un giorno storico – dichiara soddisfatto Priolo – perché 140 dipendenti d’ateneo firmeranno il contratto a tempo indeterminato». Un’operazione che si aspettava da anni e che per il professore è una scelta «doverosa e condivisa». Ma a pagarne lo scotto sono gli altri 50 lavoratori a cui è stato annunciato il mancato rinnovo contrattuale e che alla scadenza del contratto dovranno andare a casa. «Per loro – risponde sinceramente Priolo – lavoreremo ma non posso prendere impegni che non so se posso mantenere». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×