Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bene tolto alla mafia che (finalmente) andrà ai senzatetto
Dopo oltre un anno e mezzo, «ormai è questione di giorni»

L'annuncio fresco di giornata è dell'assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo. Quello che non è certo è che l'immobile sia già pronto all'uso. «Quei 25 posti letto non basteranno. In città ci sono più di settanta persone che vivono per strada», dicono i volontari

Marta Silvestre

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

«È questione di giorni e speriamo di poterlo già mettere al servizio dei senzatetto». A dare a MeridioNews la notizia fresca di giornata (quella di ieri per chi legge) è l'assessore ai Servizi sociali del Comune di Catania Giuseppe Lombardo che, a sua volta, l'ha avuta poco prima dal suo collega Michele Cristaldi che ha la delega sui beni confiscati. Nello specifico, si tratta di quello di via Federico Delpino nel quartiere Librino che, già da tempo, avrebbe dovuto ospitare 25 delle persone che vivono per le strade di Catania. Con un ritardo di oltre un anno e mezzo, la gara per l'affidamento del servizio di accoglienza e sostegno psicologico ai senza dimora è stata assegnata alla Ati formata dalla Fondazione Ebbene e dalla sezione etnea di Croce Rossa che, però, non è ancora entrata in possesso dell'immobile. «Il passaggio dovrebbe avvenire a giorni - assicura l'assessore Lombardo - perché il consiglio di amministrazione del Consorzio etneo per la legalità e lo sviluppo ha finalmente deliberato la riconsegna». 

Ma andiamo con ordine. Con una delibera di giunta dell'ottobre del 2012, il bene è stato conferito al Consorzio che, negli anni, lo ha affidato al Centro Astalli che, fino al 2019, ne ha fatto una casa di accoglienza per i migranti. Chiusa questa esperienza, lo stabile è rimasto vuoto e inutilizzato. Intanto, il Comune ha avviato un progetto per il riutilizzo, ha pubblicato un bando e ha chiesto la revoca del conferimento al Consorzio etneo. «Da marzo, ci risulta che la riconsegna sia stata messa all'ordine del giorno di vari Cda. Purtroppo, però - spiega Lombardo - finora, non era mai stata deliberata. Adesso, a giorni lo riavremo e speriamo sia già pronto per entrare in funzione». La struttura, confiscata nel 2002 a Nicolò Maugeri della famiglia mafiosa dei Santapaola, avrà 25 posti letto e anche un servizio di bagno e docce disponibile 24 ore su 24. Non solo il soddisfacimento di bisogni primari, nel progetto è prevista un'équipe multidisciplinare che si occuperà di accompagnare le persone verso «il raggiungimento della propria autonomia e la ridefinizione del proprio progetto di vita». 

Intanto, anche durante il periodo della pandemia, tra sfratti del Comune di panchine e pensiline per «occupazione del suolo pubblico» e rimozione di quelle che l'assessore leghista Fabio Cantarella aveva definito «villette di cartone», molti senzatetto sono rimasti a vivere per strada. «Se ne contano almeno una settantina - dice a MeridioNews Dario Gulisano, responsabile Politiche abitative della Cgil e volontario di Arbor, unione per gli invisibili - e la preoccupazione è che comunque anche questi nuovi posti letto non basteranno». Per provare a colmare la differenza di quelli che resterebbero fuori, i volontari chiedono di «prorogare la deroga degli alloggi di transizione che, di base, sarebbero destinati solo alle famiglie ma che per il Covid sono stati aperti anche ai singoli». Altra questione che sta a cuore ai volontari è quella della residenza virtuale in via dell'Accoglienza per i clochard. «Abbiamo chiesto al Comune di centralizzare le procedure anche senza passare dalle associazioni - dice Gulisano - perché senza residenza le persone sono escluse da misure economiche come il reddito di emergenza, il reddito di cittadinanza e anche la pensione. Inoltre - conclude - non hanno accesso nemmeno al medico di base». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×