Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuti, 600 tonnellate in città tra cassonetti e marciapiedi
Dusty: «Per la raccolta restano soltanto pochi mezzi liberi»

Cominciano i primi effetti tangibili della riduzione degli abbancamenti da parte della discarica della Sicula Trasporti. Al momento, sono in corso delle interlocuzioni tra l'assessorato regionale e la Srr per trovare una soluzione. Guarda il video e le foto

Marta Silvestre

Foto di: Dario de luca

Foto di: Dario de luca

« La munnizza ci seppellirà». Suonerebbe così oggi a Catania la celebre frase anarchica. «Stimiamo che sul territorio del capoluogo etneo, tra quelli rimasti nei cassonetti e quelli a terra ci siano circa 600 tonnellate di rifiuti». La stima di Dusty, l'azienda che si occupa della raccolta in città, al momento, si ferma alle 11.30 di questa mattina. Intanto, la mole di spazzatura in giro per il capoluogo etneo continua ad aumentare. «Oggi sui nostri veicoli sono rimaste 400 tonnellate di indifferenziato», spiegano a MeridioNews dalla ditta che stamattina ha visto di nuovo parte dei propri mezzi bloccati fuori dai cancelli della discarica della Sicula Trasporti

Tutto dipende dalla  riduzione degli abbancamenti, già nell'aria da mesi ma comunicata ufficialmente la scorsa settimana con una nota che la società - da oltre un anno sotto amministrazione giudiziaria in seguito all'inchiesta Mazzetta Sicula - ha inviato ai Comuni. Superate le 600 tonnellate di rifiuti conferiti in discaricare, gli autocompattatori sono costretti a tornare indietroUna situazione che va avanti dallo scorso venerdì. «Il primo giorno sono rimasti pieni e sono rientrati in città venti mezzi - fanno i conti da Dusty - Sabato sono stati 22. Domenica la discarica è stata chiusa e oggi la situazione è già peggiorata». Al momento, in tutta la città sono vuoti e, quindi, disponibili per la raccolta solo 15 compattatori di Dusty e soltanto uno di Energeticambiente (la società milanese che collabora in subappalto con la ditta etnea). «La raccolta porta a porta (che riguarda solo una parte della città, ndr) sta andando avanti - dichiarano dalla ditta che gestirà in proroga il servizio ancora fino al prossimo 30 ottobre, prima che subentrino le due nuove ditte che si sono aggiudicate il bando - mentre nei cassonetti è già stata sospesa». 

Una emergenza per cui, al più presto, bisogna trovare una soluzione. «Ho informato sia la Regione sia la Srr - spiega l'assessore ai Rifiuti Fabio Cantarella - che la città è già piena di spazzatura e noi non sappiamo dove conferire». In questo caso, non è in potere né del Comune né della ditta trovare soluzioni e ancor meno applicarle. Proprio in queste ore, sono in corso delle interlocuzioni tra l'assessorato regionale ai Rifiuti guidato da Daniela Baglieriil presidente della Srr dell'area metropolitana Francesco Laudani. «Da lì, speriamo entro stasera - auspica Cantarella - dovrebbe arrivare una soluzione». L'unica che si prospetta all'orizzonte è che altre discariche dell'Isola - Oikos nel Catanese, Catanzaro Costruzioni a Siculiana nell'Agrigentino e la discarica pubblica di Gela - accolgano le circa 1600 tonnellate che di solito finiscono nel sito di grotte San Giorgio a Lentini. Al momento, però, nessuna di queste ha ancora dato la propria disponibilità

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×