Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

UniCt, il Miur: «Non possiamo impedire le elezioni»
Ministero risponde su commissariamento e rettore

«L'ipotesi di commissariamento non ha fondamento giuridico». È un passaggio della risposta che il ministero dell'Università e della ricerca invia a questa testata a proposito del caos nell'ateneo di Catania. E sulla data del voto precisa di non avere potere

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

«Il ministero non ha facoltà di impedire che un ateneo proceda all'elezione di un nuovo rettore, una volta cessato dalla carica quello precedente». Il Ministero dell'Università e della ricerca non interverrà sulle consultazioni elettorali accademiche previste per il prossimo 23 agosto. Così a Palazzo centrale, salvo diversi indirizzi dell'ateneo, si procederà con la votazione per un nuovo capo del Rettorato. A spiegarlo a MeridioNews è lo stesso Miur, rispondendo a una richiesta di chiarimenti inviata da questa testata. Da giorni, infatti, si susseguono gli appelli per chiedere al decano, il professore Vincenzo Di Cataldo, di rinviare le elezioni a un periodo meno segnato dalle assenze per la calura estiva e che permetta più tempo per la presentazione delle candidature (così sono stati dati undici giorni, la scadenza è fissata per venerdì).

Il ministro dell'Istruzione Marco Bussetti e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte hanno annunciato, lunedì, l'invio degli ispettori del governo nell'ateneo, ma il controllo dei procedimenti amministrativi del passato non ha a che vedere con le elezioni del futuro. Molti hanno invocato il commissariamento dell'università di Catania, ma il Ministero risponde da queste pagine: «L'ipotesi di commissariamento non ha fondamento giuridico - dicono da Roma - Secondo la normativa vigente, il ministero dell'Istruzione può commissariare un ateneo esclusivamente per casi di dissesto finanziario». E non è questa la circostanza.

Il Rettorato è nel caos dopo che l'inchiesta Università bandita della procura di Catania ne ha decapitati i vertici. Il rettore Francesco Basile e i direttori di nove dipartimenti sono stati sospesi dall'esercizio delle proprie funzioni per volere dei magistrati di piazza Verga, che ipotizzano un'associazione a delinquere finalizzata a pilotare l'esito di una lunga serie di concorsi per i professori (ordinari o associati), che sarebbero stati organizzati in diverse occasioni sapendo in anticipo chi avrebbe dovuto vincerli. L'ultimo dei casi segnalati è quello che riguarda l'ex sindaco di Catania Enzo Bianco e l'ex assessore alla Cultura Orazio Licandro, indagati assieme alla direttrice del dipartimento di Scienze umanistiche Marina Paino: Bianco sarebbe intervenuto per chiedere a Paino un posto da docente ordinario per Licandro. Il bando, in effetti, parte e si conclude: a ottobre 2018, Licandro - da unico candidato - vince la selezione e diventa docente di Diritto romano e diritti dell'antichità all'università di Catania

Lo statuto dell'ateneo attualmente in vigore prevede che, nel caso in cui il rettore sia impossibilitato per qualche motivo a esercitare le sue funzioni, a sostituirlo intervenga il prorettore. Nel caso di cui si discute in questi giorni, però, sia il magnifico Francesco Basile sia il suo vice Giancarlo Magnano San Lio sono stati oggetto dei provvedimenti della magistratura. E se è vero che, secondo il regolamento elettorale, spetta al decano convocare le elezioni del nuovo rettore su mandato del senato accademico, è anche vero che la convocazione del senato accademico tocca esclusivamente al rettore o al prorettore. Per lo meno in base allo Statuto attualmente in vigore. È per questo che il decano si rifà, quindi, all'articolo 2 di un decreto luogotenenziale del 1944. Che attribuisce le funzioni del rettore al «professore più anziano del corpo accademico».

Per quanto datata, la norma esiste ed è a questa che si appella il decano per evitare l'immobilismo e sbloccare la situazione nei tempi più brevi possibili. Le candidature, nel frattempo, arrivano. Il professore Francesco Priolo (ordinario di Fisica della materia) si è fatto avanti in Consiglio di dipartimento ma non ufficialmente; Roberto Purrello, presidente della Scuola superiore di Catania, e Vittorio Calabrese hanno invece presentato la loro adesione alla corsa. Resta a guardare, per il momento, Maurizio Caserta, docente di Economia ed ex candidato sindaco (era il lontano 2013): ha sottoscritto anche lui il documento con il quale diverse decine di professori chiedono di rinviare le elezioni a un momento più consono.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×