Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

UniCt, al rettore manca ancora la firma del ministro
A tre settimane di distanza dal voto non c'è la nomina

Il 26 agosto, il professore Francesco Priolo ha vinto le elezioni per il rettorato. Il decreto ministeriale che lo sancisce, però, non è ancora stato siglato da Lorenzo Fioramonti, che adesso regge il Miur. A spiegare il ritardo ci sono due diverse interpretazioni

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Dal 26 agosto a oggi sono passati 21 giorni. Durante i quali il nuovo rettore dell'università di Catania c'è stato, ma non s'è visto. E non per sua volontà: il ministro dell'Istruzione, al quale spetta firmare il decreto di nomina, non ha ancora siglato quello che mette al vertice dell'ateneo Francesco Priolo. Il professore è stato eletto al secondo turno di elezioni con un plebiscito di voti, dopo il ritiro degli altri tre principali contendenti. Così a Palazzo centrale la stanza del Magnifico resta vuota e lui, Priolo, continua a lavorare nel suo ufficio al dipartimento di Fisica, lontano da piazza Università.

«È normale - risponde il rettore non rettore - Sono sicuro che la nomina avverrà a brevissimo, ci sono un nuovo governo e un nuovo ministro». Anche senza questi stravolgimenti di governo, del resto, per la firma in passato si è dovuto attendere fino a due settimane. Figurarsi in questa circostanza: le ormai celebri elezioni balneari si sono verificate, del resto, nel bel mezzo di una crisi di governo decisa, anche quella, dalla spiaggia. Così, volendo dare spazio all'interpretazione senza retropensieri, il decreto per l'ateneo di Catania è stato seppellito da una montagna di questioni politiche. Senza contare la scrivania intasata di fascicoli passati dal tavolo dell'ex ministro Marco Bussetti a quello dell'attuale Lorenzo Fioramonti.

Un periodo per comprendere la macchina amministrativa di un ministero potrebbe essere fisiologico. Non fosse che Fioramonti, da ex sottosegretario, il dicastero lo conosce. A questo punto, dunque, fino a stamattina poteva formularsi la seconda interpretazione del ritardo nella nomina, più comoda per chi già osteggia il nuovo rettore. Cioè che il ministro stesse attendendo l'esito del ricorso al Tar formulato dai ricercatori Attilio Toscano e Lucio Maggio contro la convocazione dei comizi elettorali da parte del decano Vincenzo Di Cataldo

Nei giorni scorsi, il tribunale amministrativo regionale di Catania ha dato a UniCt venti giorni di tempo per sanare la posizione dell'avvocato difensore dell'ateneo, Vincenzo Reina, che secondo l'accusa dei legali di Toscano e Maggio (i legali Pietro Sciortino e Dario Riccioli) non ha ricevuto formalmente il mandato dal consiglio di amministrazione dell'università. Il Tar, però, si è espresso nella tarda mattinata di oggi e ha fissato l'udienza per il 16 gennaio 2020. Una data troppo lontana perché il ministro possa scegliere di attenderla.

Nell'attesa di novità da Roma, l'università di Catania resta in difficoltà. Il professore Priolo non può occuparsi della realizzazione del suo programma elettorale né degli affari correnti e dell'ordinaria amministrazione. Quest'ultima resta appannaggio del decano Di Cataldo, che fa le veci del rettore in virtù di un decreto luogotenenziale del 1944, da lui stesso definito «demodé». È il più anziano dei docenti di ruolo a occuparsi dell'ateneo catanese dal 2 luglio 2019, quando l'ex rettore Francesco Basile si è dimesso a seguito dello scandalo Università bandita, l'inchiesta della procura che ha scoperchiato un presunto sistema di concorsi truccati e irregolarità nelle procedure

L'ex rettore Francesco Basile è stato sospeso dalla sua carica, così come il prorettore Giancarlo Magnano San Lio e i direttori di numerosi dipartimenti. L'impossibilità dei docenti coinvolti a esercitare le proprie funzioni ha messo l'ateneo in una posizione che mai nessun'altra università italiana aveva dovuto affrontare, costringendo a fare ricorso a una norma del periodo bellico per gestire l'emergenza. Col voto estivo la situazione sarebbe dovuta tornare alla normalità in fretta, ma il rientro anticipato dalle spiagge, alla fine, sembra non essere servito.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews