Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La protesta dei tifosi per «liberare il Calcio Catania»
Allarme per la crisi Meridi e il balletto sulla cessione

Il corteo convocato via social porta in piazza i canti e la preoccuzione degli ultras rossazzurri. Sfiducia e rabbia davanti alla pioggia di rumors sulla possibile vendita, ma soprattutto per le difficoltà finanziarie del patron «da mandare a casa» Nino Pulvirenti

Francesco Vasta

«Con tutti i problemi che ci sono, dobbiamo manifestare per il calcio?», si domanda spaesata una donna, allontanandosi a passo spedito da piazza Santa Maria di Gesù. L'adunata degli ultras del Calcio Catania porta a sfilare, fino a piazza Roma e via Etnea, qualche centinaio di sostenitori durante una domenica senza pallone in campo. A dire il vero, il calcio giocato a Catania da tempo non è tra le priorità, se non per l'amarezza dei deludenti risultanti di una stagione travagliatissima. La preoccupazione del popolo rossazzurro è, invece, tutta rivolta al futuro societario della squadra, nel guado della crisi della Meridi, la società sempre meno cassaforte per le fortune imprenditoriali di Nino Pulvirenti. Ecco perché i tifosi hanno scelto di andare in piazza: «Questo non è un corteo, è un grido di libertà», urla uno di loro prima di perdere del tutto la voce.

«Che si tratti di amministrazione straordinaria o fallimento, il Catania rimarrà senza la fonte di sostentamento. L'unica soluzione è vendere subito», dice un tifoso dal corteo. Gli uomini della curva, fra un coro in onore del presidente Massimino e i canti d'amore rivolti alla squadra, hanno le idee chiarissime: «La città non vi vuole più, andatevene per non farci scomparire», il vibrante consiglio indirizzato a Pulvirenti e al direttore dimissionario Pietro Lo Monaco, i volti cardine di una società che aveva portato la piazza nel paradiso della Serie A, salvo poi sprofondare in Serie C. Per i tifosi, il dissesto finanziario di Meridi - la società che gestisce il marchio Fortè e controlla il Calcio Catania - rischia di travolgere i rossazzurri, senza più soldi in cassa. Gli ultimi creditori a voltare le spalle alla squadra di Pulvirenti sono stati gli autobus della Pappalardo transport che da anni portano i calciatori in giro per l'Italia. Debiti non saldati e servizio sospeso. 

Per Meridi è stata richiesta l'amministrazione controllata. In attesa del giudizio, i tifosi vanno in piazza per chiamare la città alla mobilitazione, ma anche per prendere le distanze dalla pioggia di rumors sulla possibile cessione societaria. Un balletto che alimenta sfiducia e rabbia. Raffaello Follieri? «Inaffidabile». Giuseppe Leonardi? «Non si capisce che intenzioni abbia davvero». Da ultimo, le cronache hanno raccontato dell'interesse di una cordata guidata dalla famiglia Percassi, già proprietaria dell'Atalanta: «E chi lo sa..», dice uno degli ultras. Qualunque sia la soluzione, per i tifosi occorre vendere al più presto. «Devono andarsene a casa, solo così ci salveremo. Liberate il Calcio Catania». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews